Passa ai contenuti principali

Un pò furbega e un pò menega

Alzo bandiera bianca. Non so cosa e soprattutto perché, ma invecchiando si deve essere inceppato qualcosa nel meccanismo che prima mi permetteva di dare un giudizio chiaro, definito e soprattutto AZZECCATO sulle persone. Uno sguardo, una parola e zac! avevo stabilito se una persona poteva essermi simpatica o era una simpatica merda da evitare. Non ho mai fatto grandi errori, la prima impressione non mi ha mai realmente tradita. Mi è capitato di ravvedermi ma rendermi conto che invece no, avevo avuto ragione al primo giudizio.
Emblematico è il caso di una tipa che solo a guardarla mi faceva accapponare la pelle tanto mi stava antipatica. Mi bastava di scambiarci uno ciao e stavo di cattivo umore tutto il giorno. Poi mi sono spinta a doverla conoscere meglio e ho pensato che non era così male, anzi pure un po’ simpatica, anzi facciamola diventare una delle mie amiche più fidate. E poi a quel punto, dopo anni, mi sono accorta che avevo ragione quando mi si accapponava la pelle.
Invece adesso perdo colpi. Cioè, se riguarda gli altri, persone non coinvolte direttamente con la mia vita ho ancora una marcia in più e il Ranocchia ne sa qualcosa perché ho bollato delle persone per una frase soltanto, apparentemente innocua come può esserlo un invito per una birretta e senza mai averle viste e guarda caso avevo ragione io. E a me non piace per niente rinfacciarglielo!
Però quando si tratta di persone che ruotano intorno a me… non ci capisco più una mazza!
Si tratta di Furbega. Credo di averle dato questo nome d’arte troppo presto e che non se lo meriti del tutto. Parlando con lei ho capito che era più vera la prima impressione che avevo avuto di lei, ovvero di una persona realmente simile a me. Le differenze emerse dopo me l’hanno fatta sembrare la solita furbetta ruffiana e subdola che avrebbe potuto essermi solo d’impiccio. Invece quella sicurezza che pareva avere si è rivelata essere una forte impulsività, un “non saper tenere un cecio in bocca”, ma bonaria. Insomma una che prima dice e poi pensa! Io penso e penso e penso e penso… e poi a volte nemmeno apro bocca. E diciamocelo, nessuna delle due cose va bene. Questo l’ha portata a dare una rispostaccia a tono a un’operatrice che l’aveva trattata male (lunga vita alle rispostacce a tono!) e ha confidare alla tutor che per noi le cose non stanno andando affatto bene, perché ci facciamo due gran palle per arrivare a fine orario e, soprattutto io che ho visto l’abissale differenza con quanto avveniva poche settimane fa che avevo stimoli continui, siamo demotivate al massimo. Ed è proprio questo che ci ha unito, ci ha spinto a parlare, a conoscerci  meglio, a coalizzare, a malignare a destra e manca (ooooooh finalmente! L’altro giorno sembrava che avesse scoperchiato il vaso di Pandora, non riuscivo più a contenermi!)… e questo mi ha fatto scoprire che è molto, molto simile a me. Sì, è comunque un po’ furbega, caratteristiche che mi appartiene poco, ma parecchio parecchio menega (leggi= cogliona) e in questo io abbondo!

Commenti

  1. #3 Carlo de Petris


    Io cerco sempre di evitare le prime impressioni, di non basarmi su di esse, ma di concedere un tempo ragionevole affinchè le persone possano aprirsi un minimo per poterle vedere meglio per quello che sono.

    Questo costa tanto, tantissimo tempo e a volte ovviamente capitano cocenti delusioni, ma preferisco far così ^_^''
    09 febbraio 2010 21:21
    #2 Serena

    Anche io, come te, non ho mai sbagliato con la prima impressione... e a tutt'oggi posso vantarmi di non aver mai cambiato idea...Mi fa piacere che con Furbega vi siate coalizzate, lavorare a contatto con qualcuno che non ti sta proprio simpatico non è una cosa molto gradevole, quindi...
    09 febbraio 2010 21:05
    #1 Grissino


    no non sei cogliona, ma troppo buona credo... anche io. No?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Un altro motivo per amare Stefano Benni

Il mio amore per Benni cresce a ogni libro che leggo, Stranalandia a parte. Ho già divorato: Saltatempo, Barsport, Barsport duemila e Pane  e Tempesta. E l'ultimo: L'ultima lacrima. Questo è una raccolta di racconti che svelano i mostri sempre attuali della nostra società. I miei preferiti: - Papà va in tv, quanto mai realistico, basti pensari alla cornica mediatica che ha circondato il caso di Sara Scazzi - Fratello Bancomat, surreale e tenero - Un cattivo scolaro, anche qui ci sarebbe da ragionare, almeno su quanto la tv influisca sulla nostra istruzione - Lombricoitticoetica, semplicemente la verità sulla vita - L'inferno, in cui mi sono rispecchiata perchè fa un ritratto della società a partire dalla descrizione dei viaggiatori di un treno (quante volte l'ho fatto anche io!) - Il palazzo delle 9 meraviglie, che strappa un dolce sorriso dopo averti iniettato della curiosità morbosa - Caccia al fagiano, dove il fagiano cacciato è un extracomunitario, un vucumprà. Quan