lunedì 10 dicembre 2007

"La classe fa la ola mentre spiego"

Ho girovagato un pò in internet ed ecco cosa ho trovato! Io spero vivamente che non siano cose vere, perchè alcune sono veramente assurde! Leggete fino alla fine! Meritano!

1) L'alunno S. C. lascia l'aula prima dell'orario di uscita dopo aver fotografato la lavagna con il cellulare sostenendo che avrebbe riesaminato la lezione a casa sua.

2) L'alunno A., assente dall'aula dalle ore 12.03, rientra in classe alle ore 12.57 con un nuovo taglio di capelli.

3) Gli alunni M. P. e D. A. dopo aver rubato diversi gessetti dalla lavagna di classe, simulano durante la lezione l'uso di sostanze stupefacenti tramite carte di credito e banconote arrotolate, tentando inoltre di vendere le sopraccitate finte sostanze ai propri compagni. A mia insistente richiesta di smetterla vengo incitato a provare pure io per non avere così tanti pregiudizi.

4) La classe non mostra rispetto per l'illustre filosofo Pomponazzi e ne altera il nome in modo osceno.

5) L'alunno M. dopo la consegna del pagellino da far firmare ai genitori riconsegna il pagellino firmato 2 minuti dopo. Sospetto che la firma non sia autentica.

6) Il crocefisso dell'aula è stato rovinato. Il Cristo ora porta la maglia della nazionale.

7) L'alunno A. durante l'intervallo intrattiene dalla finestra dell'aula gli alunni dell'istituto imitando Benito Mussolini, munito di fez e camicia nera, presentando una dichiarazione di guerra all'istituto che sta dall'altra parte della strada.

8) Dopo aver fatto scena muta durante l'interrogazione di geografia astronomica V. chiede di avvalersi dell'aiuto del pubblico.

9) L'alunno M. G. al termine della ricreazione sale sul bancone adiacente la cattedra e dopo aver gridato "Ondaaaa energeticaa!!!", emette un rutto notevole che incita la classe al delirio collettivo.

10) Facendo l'appello e notando l'assenza dell'alunno S., mi viene detto dall'alunno C. di non preoccuparmi. Quest'ultimo estrae il portafoglio, lo apre e simulando di parlare ad una terza persona urla "Scotty: teletrasporto!". Con fragorosi effetti sonori fatti con la bocca, l'alunno S. fuoriesce dall'armadio.

11) L'alunno L.P. durante l'ora di educazione fisica insegue le compagne di classe sventolando in aria lo scopino del water.

12) L'alunno L.P. durante la lezione di educazione fisica usa la pertica come simbolo fallico.

13) Si espelle dall'aula l'alunna M. Ilaria perché ha ossessivamente offeso la compagna Sabatino Domenica chiamandola Week End.

14) L'alunna B.R. fa sfoggio della sua biancheria intima lanciandola sul registro del professore.

15) La classe nonostante i continui richiami del professore continua imperterrita durante le ore di c.t.a . a emanare flatulenze senza che i colpevoli si dichiarino e l'aria ormai è resa irrespirabile da tali esalazioni. Si prega di fare nota ai genitori di tale maleducazione.

16) Gli alunni M. e P. incendiano volontariamente le porte dei bagni femminili per costringere le ragazze ad utilizzare il bagno maschile.

17) L'insegnante di latino: "L'alunno è entrato in aula, dopo essere stato per 20 minuti al bagno, aprendo la porta con un calcio; ha fatto una capriola e ha puntato un'immaginaria pistola verso l'insegnate dicendo "ti dichiaro in arresto nonnina!"

18) L'alunno giustifica l'assenza del giorno precedente scrivendo "credevo fosse domenica".

19) T., L. e B. chiudono in bagno una loro compagna perché ritenuta da loro "cesso".

20) Gli alunni B. e B. durante l'ora di italiano compiono irrispettosi esperimenti di balistica usando proiettili di carta e saliva (stoppini) contro il ritratto dell'Onorevole Presidente della Repubblica Ciampi. Si giustificano dicendo di necessitare un bersaglio.

21) L'alunno M.B. sprovvisto di fazzoletti si sente autorizzato a strappare una pagina della Divina Commedia per soffiarsi il naso.

22) P. non svolge i compiti e alla domanda "Per quale motivo?" risponde "Io c'ho una vita da vivere".

23) Liceo Scientifico Copernico di Brescia: "Gli alunni B. e N. simulano un omicidio in classe, il primo si è steso a terra, il secondo disegna la sagoma".

24) L'alunno M. ha fatto l'ennesima scena muta dicendo che risponderà solo in presenza del suo avvocato.

25) Ora di religione: "Si segnala mancanza del Crocifisso, occultato dalla classe, al suo posto cartello recante le parole "torno subito"".

26) L'alunno M. (egiziano, n.d.r.), continua a ripetere la parola "ano" poiché R. l'ha convito che significhi "dito".

27) Gli alunni P. e A. alle ore 10:25 escono dall'armadio.

Queste cose mi hanno fatto tornare in mente il periodo delle scuole, non le elementari e le medie che sono stati 8 anni bruttissimi, ma che dico bruttissimi, orribili, ma che dico orribili, infernali. Sì, infernali può essere abbastanza esaustivo. Però al liceo mi sono divertita un sacco, ne abbiamo combinate di tutti i colori, nel limite della decenza e del rispetto per il prossimo (tranne un caso isolato ma sicuramente questo aveva problemi psicologici). Niente video sconci e robe simili. E i prof, pur avendoci sempre accusato di essere una classe tremenda, sono stati sempre clementi nei nostri confonti.
Altrimenti nei nostri registri avrebbero trovato scritto roba del genere:
  • l'alunno L.Q. prende di mira la compagna di banco con una penna, che usa come un coltello, riducendola a un colabrodo.
  • la classe esce dai bagni facendo il trenino e intonando un motivetto brasiliano, con a capo fila l'alunno M.F. che con il fischietto (sottratto al professore di ginnastica) da il ritmo agli altri.
  • l'alunno M.F. dice "lei è una cortigiana" alla professoressa, si spera non conosca il significato del termine.
  • le alunne I.C. e G.S. dopo aver letto un brano di antologia molto commovente scoppiano improvvisamente a ridere e continuano per tutta l'ora (una delle due ero io, giuro che non sappiamo perchè ci siamo messe a ridere, e abbiamo continuato non solo in classe ma anche sull'autobus per tornare a casa!).
  • la classe si nasconde all'ora di tedesco, la professoressa preoccupata chiama la vicepreside e al loro ritorno in aula trova la classe al suo posto che sostiene di non essersi mai mossa di lì.
  • l'alunno L.Q., indispettito di essere stato vittima di un suo stesso scherzo rivolto ad una compagna, le tira un tubo di Pritt in testa.
  • l'alunno probabilmente soffre di paranoia, all'osservazione della professoressa "c'è un omino sul tetto" lui indispettito risponde "chi io!? io stavolta non ho fatto niente". si prega di informare i genitori.
  • la classe ad ogni compito intona l'inno d'Italia a squarciagola e all' "EH" finale sbatte i banchi per terra.

BEI TEMPI....

giovedì 29 novembre 2007

Home, sweet home.


Finalmente a casa! Sono partita un giorno prima per lo sciopero dei trasporti di domani. Una gioia sconfinata dover dare 28.90€ a Trenitalia quando in genere riesco a spenderne 14€. Ah, che soddisfazione. Però almeno mi godo mezza giornata in più a casina (alle 10 di domenica sarò di nuovo sul treno per tornare a Cesena), il che non guasta. Mi posso godere il mio cagnolino che, giunto alla veneranda età di 16 anni, inizia a perdere diversi colpi e vederlo così, da ultra pimpante come era, mi fa stringere il cuore. Stavolta però l'ho trovato benino e questo mi tira sù il morale. Anche mia mamma, che ha subito un'operazione all'occhio qualche settimana fà, sta meglio e anche ciò mi fa un immenso piacere. Poi che altro!? Ho fatto il viaggio insieme a una nuova compagna di facoltà e abbiamo chiaccherato tutto il viaggio (ben 5 ore e 45 minuti) conoscendoci meglio e scambiandoci opinioni su un sacco di argomenti in modo divertito. Devo dire che è molto diversa da me, almeno un pò in apparenza, perchè alla fine i valori di fondo sono gli stessi, ma è una diversità che mi piace... Abbiamo parlato di tante cose e non mi sono mai annoiata, come purtroppo invece mi capita spesso con altre persone che magari conosco da anni. Quelle che parlano parlano e non dicono nulla. E dire che con questa ragazza abbiamo frequentato l'università a Firenze isieme ma là non ci eravamo scambiate nemmeno mezza parola! Spesso la vita è strana... E a volte riserva delle piacevoli sorprese!
Ovviamente le noti dolenti arrivano sempre, ma ora sono troppo stanca per mettermici a pensare. Meglio un buon sonno che mi rifocilli il corpo e (speriamo) lo spirito.

giovedì 22 novembre 2007

Evviva Scrubs!!!!


La serata è andata migliorando. Tutto merito di JD e i suoi colleghi del Sacro Cuore. Per chi non avesse capito sto parlando di Scrubs, secondo me uno dei migliori ma purtroppo trascurati telefilm della storia televisiva. Già perchè Scrubs è originale, è divertente, è ironico e surreale (vedi i voli di fantasia di JD). Ma è proprio questa "irrealtà" a renderlo così bello e reale. Sì perchè Scrubs ti fa anche riflettere su temi importanti come l'amicizia, l'amore, la malattia, la morte. E lo fa sempre mantenendo quella leggerezza e freschezza che lo caratterizza. Tra l'altro ho notato che questa sesta serie è la più matura, forse proprio perchè gli stessi personaggi sono cresciuti. Peccato che circoli voce sia la penultima! E poi chi mi calmerà il giovedì sera dopo una giornatina come oggi!?

Giuro che non sono sempre così!




Oggi mi girano. E tanto. Sarà che ieri sera sono andata a letto un pò nervosa perchè colta da un attacco di gelosia verso il mio ragazzo e ancora non mi è passato. Sarà che stamani dovevo pulire solo il bagno e alla fine ho pure "dovuto" pulire le scale e la cucina (o così oppure compravo gli stivali a coscia per girare per casa) e non vi dico che ci ho tirato fuori. Sarà che ho assistito ad una lezione di statistica dove non ci ho capito una mazza grazie al fatto che l'università di Firenze dove ho fatto la triennale non insegna nulla di utile e quindi ora mi mancano le basi. Sarà questa temperatura fredda-umidiccia che ti entra nelle ossa e solo una doccia bollente ti potrebbe togliere l'uggia che causa ma, peccato, da noi la doccia si fa a tempo, dopo un minuto zac! l'acqua diventa di colpo fredda, cavoli tuoi se hai ancora il sapone che ti cola. Sarà un pò tutto questo mix di cosucce, ma oggi veramente mi sbranerei un leone. Poi essendo così inquieta non sopporto nemmeno le mie coinquiline tutte. E già, perchè io studiando fuori sede condivido la casa con altre 5 e dico 5 ragazze. E un cane. Che di solito adoro, ma oggi è solo un essere immondo che produce quantità industriali di cacca. E non è un alano, è un cosetto di 2 kg, ma la fa come un alano. Il suo posto preferito è il letto. Non importa di chi sia. Infatti non molti giorni fà è toccato al mio. Che goduria. Che bello in inverno dover rinunciare a copriletto e plaid perchè il cane non tuo ti ce l'ha fatta sopra. E ieri?! Ieri l'ho pestata (credo in cucina) e l'ho simpaticamente stampata per tutte le scale... E indovina chi ha pulito!? Indovinato: io! Mi sa che quello fosse il preludio della fantastica giornata di oggi. Per non parlare delle coinquiline. La mia vicina di stanza è isterica e non lo dico io ma il DSM IV, che, per i non addetti, è il manuale in cui si classificano i vari disturbi psichici. Ha tutti i sintomi: dal comportamento seduttivo agli svenimenti. Fortuna che non c'è mai, peccato che quando c'è vale per 10 dal casino che fà. L'altra del mio piano è nuova, simpatica da starci insieme, peccato si voglia far passare per quella che non è. Ora le è presa la fissa dell'omosessualità, ma si vede benissimo che non lo è. Sembra la caricatura dei gay dei film di serie b. Ieri se ne uscita divendo che per Natale vuole comprare al cane un cappotto rosa con gli strass. Ovviamente il cane è maschio. Non dico nulla che è meglio. Poi ora come ora mi fa rabbia la padrone del cane. Io non ce l'ho con lui povera bestia. Io ce l'ho con lei che non lo sa gestire. Prima pensavo: dai è solo un cucciolo, deve ancora educarlo. Ora proprio sono al limite. Le altre due coinquiline per ora le risparmio...
AAAAAAAH che nervi! Monolocale: a me!