Passa ai contenuti principali

Almeno un saluto.

Ho lasciato qualche parola distratta sulla pagina Facebook del blog senza neanche passare da qua. Senza nemmeno fare un saluto. È quando meno da maleducati, me ne rendo conto.

È che in questo periodo pur avendo le idee su cosa scrivere non ho voglia di farlo.

Avete capito bene: voglia. Non me ne manca il tempo, che comunque non è che abbondi. Avrei potuto trovare una scusa ma voglio essere onesta. Mi si è spenta la "passione" in un qual modo e non ho altro di che dire.

Però ecco non è certamente un addio. È senz'altro un arrivederci, che tanto sarò diversamente occupata per ancora tanti e tanti anni.

Commenti

  1. un saluto è già un buon inizio... spero di tornare a leggerti presto!
    C'è la precarioteca che ti attende ;P

    RispondiElimina
  2. Cara Icaro, sai pure a me questo spesso mi succede, ma poi riparto!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Penso sia del tutto normale, importante é ritornare e magari con una voglia in più. A risentirci, quando avrai voglia. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Tornerai.
    Perché tutti tornano.
    Sorrido...

    RispondiElimina
  5. In effetti si va un po' a periodi....arrileggerci....

    RispondiElimina
  6. A chi lo dici, mi sono resa conto che è quasi un anno che non scrivo ma va bene così. Almeno questo non va preso come un lavoro.
    Buon tutto e magari ci leggeremo presto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà.

Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti).

Ecco, pare che sia pro…

Post muto

- Buongiorno, vorrei un the freddo.
- Lattina o brick?
- Pesca.