Passa ai contenuti principali

Un certo Signor N

Ebbene, sono riuscita a sfatare il mito che a svelare i programmi prima poi ti vanno a monte. Anche se devo dire che ho rischiato parecchio.
Ieri pomeriggio alle 16 iniziavano le prevendite per lo spettacolo "Un certo signor G" di cui avevo parlato lo scorso post, quello con Neri Marcore. Alle 14.30 ho caricato mia mamma e sono andata a Piombino per vedere se riuscivo a procurarmi i biglietti. Alle 15 siamo arrivate davanti al teatro e c era già una discreta fila. Una quindicina di persone, non male per essere un ora prima! Poi sono arrivati sempre in di più e diciamo che è stata una fortuna trovare persone oneste che hanno rispettato educatamente l ordine di arrivo. Penserete che essere la quindicesima in fila non doveva farmi temere di restare senza gli agognati biglietti e invece no! perchè forse non lo sapete ma per andare a teatro tocca essere raccomandati!
Ebbene sì... ok, la metà dei posti (487) erano per gli abbonamenti, quindi riservati a prescindere. Però ce ne dovevano essere altri 500 liberi! Certo che no! Dalle chiacchere della gente ho sentito che per diverse persone (tramite conoscenze) il posto viene riservato comunque, poi c'è la corsia preferenziale per le scuole (immagino fossero professori e non studenti visto che l'età media degli spettatori era 70 anni!) e la fava e la rava! Alla fine ho fato un rapido calcolo e a dir tanto di quei 500 posti ne saranno stati veramente liberi un 150! Ditemi voi se non è una vergogna!
Alla fine la vendita è iniziata prima e in totale ho fatto un'ora e mezzo di fila...
Che è valsa tutta!
Lo spettacolo è stato fantastico! Neri lo avevo già visto a teatro per la Notte Bianca a Cesena... la mia penultima notte cesenate ... Ero con la Collega, ed entrammo a teatro più per disperazione (diluviava) che per volontà. E devo dire che quel diluvio fu una manna dal cielo perchè ho assistito ad uno spettacolo tanto divertente quanto intelligente. E, tanto per capirsi, ho riso dall'inizio alla fine come una matta!
Stavolta era una cosa molto voluta ma anche piuttosto incognita. Gaber non lo conoscevo bene, ma abbastanza da considerarlo geniale. Ma va anche detto che rivisto e corretto non sapevo come potesse essere.
Beh, non mi resta che ripetere che è stato fantastico. Neri s'è dimostrato un Artista, anzi un ARTISTA completo, recita divinamente (era solo sul palco a recitare, credo che il monologo sia più difficile, soprattutto il difficile sarà non fare annoiare il pubblico!) e canta altrettanto bene. Mandateci lui a San Remo la prossima volta, altro che il Savoiardo!
Non so descrivere a parole quanto è riuscito a trasmettere in un'ora e mezzo (volata via in un soffio purtroppo!: il riso, la gioia, il dolore, l'amore, l'ironia... Insomma meglio se andate a costatare di persona se vi capita.
Merita davvero.
Il video è un piccolo omaggio a Gaber, per non dimenticarlo.

Commenti

  1. #3 Lunga


    @federica: mi pare che l'ha cantata! se ti capita nelle vicinanze vacci a questo spettacolo, vale veramente la pena, e alla fine almeno io ho pagato poco! 17€! anche a me piace tanto un pugno di libri, però mi capita di rado di vederlo! comunque neri in tutti pazzi per amore che fa quella parte un pò da latin lover ha anche un suo perchè!

    @serena: che schifo vero??


    26 febbraio 2010 21:38
    #2 Federica


    anche se non sono espertissima di gaber mi piace proprio tanto: la mia preferita è il dilemma!

    neri marcorè pure mi piace se sono a casa la domenica pomeriggio mi guardo sempre per un pugno di libri!
    26 febbraio 2010 21:16
    #1 Serena


    Bravo Neri Marcorè, mi è sempre piaciuto...figurati che mi sganasciavo dalle risate quando almeno 7-8 anni fa credo era nel programma l'Ottavo Nano di Serena Dandini... Bella storia quella del teatro, visto che in Italia già non ci sono "favoritismi"...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova