Passa ai contenuti principali

Matrimoni e altri disastri

AVVISO IMPORTANTE: chiunque non abbia voglia di leggere un post lagnoso è pregato di non proseguire.

Insomma, stamani è stato celebrato il “matrimonio del secolo” che peraltro è iniziato da poco quindi vatteloapesca. Comunque, pare lo abbiano seguito circa 2 miliardi di persone, praticamente un terzo della popolazione mondiale stamattina era in qualche modo “presente” all’evento. Eliminando dal conteggio gli abitanti del terzo e quarto mondo che a occhio e croce erano impegnati in ben altro, tipo provare a non morire di fame, pare che gli unici non sintonizzati con la reale mondovisione fossimo noi dieci coglioni in fila alle Poste.
Esatto, mentre Kate probabilmente era intenta a salire sull’auto che l’avrebbe portata dal suo principe, io mi offrivo timidamente volontaria per fare le commissioni fuori ufficio volendo proteggermi dalla chiacchiera euforica post nuziale della mia collega. Poveraccia, non è neanche per cattiveria, non ce la facevo proprio a sopportarla. Da mercoledì sono pesantemente bloccata con il collo, con conseguente mal di testa, nonché ansia ben sopra il livello di guardia perchè pochi anni fà sono rimasta bloccata nel letto proprio a causa della mia cervicale, che se non c'erano le mie coinquiline ancora stavo là...E stavolta a casa da sola ho avuto i miei bei pensieri. Per non parlare degli orari improponibili che mi rifila il Boss per vendicarsi del fatto che li abbando anzitempo. Sono stanca sfranta per questo motivo. Per avere un quadro della situazione oggi la mia collega mi ha chiamato per darmi l'orario della prossima settimana e ha esordito così "Mettiti a sedere e pensa che sei quasi alla fine".
E mentre Kate stava mostrando al mondo il suo vestito, io ero in fila alle Poste ad un ufficio in cui non si prende il numerino ma si è costretti a lottare con quelle vecchiacce che ti vogliono passare avanti a tutti i costi. Tra l'altro in fila mi sono beccata una che in quanto a chiacchiera era mooolto ma mooolto peggio della mia collega, visto che ha telefonato a parenti e amici tutti per aggiornarli sullo stato di salute della figlioletta che "ha detto che ha la bua al culetto" e ha le bolle e la lingua rossa... "Potrebbe essere scarlattina o forse varicella". E io dentro di me "Maremmamaiala ci manca solo la scarlattina". E nel frattempo lottavo con le vecchiette per non perdere il mio posto.
E ovviamente rimpiangevo di non essere rimasta in ufficio...

Commenti

  1. Il mondo si divide in buoni e cattivi. I buoni dormono meglio ma i cattivi, da svegli, si divertono molto di più.
    (Woody Allen)

    Ogni tanto vorrei essere più cattiva e mandare a remengo quelli che rompono. Sai che soddisfazione!

    Bacio

    RispondiElimina
  2. Io sono uscita per sborsare ben €595 per la mia rata della cassa di previdenza...quindi fila alla banca...e poi a fare una piccola spesuccia per pranzo...ma "guarda un pò" sono tornata giusto in tempo per l'inizio della diretta del matrimonio reale...non c'è nulla da fare, la curiosità è femmina!!

    RispondiElimina
  3. forse forse era meglio sorbirsi il matrimonio...forza e coraggio!

    RispondiElimina
  4. C'ero anche io tra i pochi che non hanno seguito il matrimonio: ero in ufficio e guarda caso, al venerdì, proprio a quell'ora, c'è la riunione settimanale.
    Non che mi dispiaccia eh .. io sono allergica ai matrimoni!

    RispondiElimina
  5. Un piccolo award per te nel mio blog! :)

    RispondiElimina
  6. io non ho perso neanche un attimo:; queste cose mi fanno impazzire!!!

    ps. resisti!!!!

    RispondiElimina
  7. Inutile che ti dica che anch'io ero incollata alla TV per le nozze. L'unica giustificazione che riesco a trovare per i 2 millioni di telespettatori è che il mondo ha ancora voglia (e bisogno) di sognare!

    Tieni duro, dopo la salita c'è la discesa!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova