Passa ai contenuti principali

Le faremo sapere

In tempi non sospetti ho mandato il mio curriculum in un paio di posti, con pochissima convinzione e ancor meno speranza. Tanto per fare un tentativo, per non restare con le mani in mano.
Tanto a prendersi un no si fa sempre in tempo.

Che brutti che sono i no.

Per l'appunto, scherzo del destino, pochi giorni fà ho dovuto personalmente rispondere a dei tipi che avevano inviato il CV. In pratica c'è una specie di frasetta prefabbricata che tu dovresti asetticamente copiare sulla mail. Mi si è stretto il cuore a scrivere quella frase che sa tanto di "le faremo sapere"... E che si potrebbe tradurre nella colorita espressione livornese t'ho ner cuore ma ti vo ner culo.

Orbene, a me non è toccata neanche quella risposta.
Ma il messaggio è comunque chiaro.
E temo che corrisponda alla seconda parte del succitato modo di dire.

Commenti

  1. "finchè arrivi al punto in cui anche ricevere una di quelle risposte automatiche ti fa sentire meglio, un minimo considerata" (non ricordo dove l'ho letta)
    :S

    RispondiElimina
  2. Effettivamente, a volte anche ricevere un no come risposta è sempre meglio del silenzio assoluto.

    RispondiElimina
  3. Anche a me tocca scrivere risposte del genere. Purtroppo.

    Bacio

    RispondiElimina
  4. Irene, quando è toccato a me non scrivevano neppure...e va beh.

    RispondiElimina
  5. @carlo: purtroppo è così per davvero! :(

    @katiu: appunto!

    @kylie: vero che dopo ci si sente un pò "depressi"? anche perchè io sono già dall'altra parte!

    @laura: mal comune... poco gaudio!

    RispondiElimina
  6. Almeno una risposta, nel bene o nel male, è sempre credo un segno di rispetto...ma ormai al giorno d'oggi siamo abituati a questo ed altro...

    RispondiElimina
  7. ora come ora è quasi commovente ricevere anche solo una risposta,anche se negativa,ormai cestinano e basta...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova