giovedì 27 ottobre 2011

Flebili speranze e scazzi

Stamattina ho avuto un incontro "preliminare" a proposito di ciò che andrò a fare per il prossimo anno. Non un lavoro a tutti gli effetti, ma voglio sperare che sia un inizio. O almeno sono sicura che mi serva più quello che starmene chiusa in casa a piangere il mio stato di disoccupata!
Le impressioni sono state buone, la ragazza che mi ha accolta mi è sembrata superdisponibile e addirittura ho intravisto un barlume per portare avanti quello che fu il mio progetto di tesi.
La strada è lunga, comunque, e vedremo come sarà.
In compenso mi sono amaramente pentita del lavoretto accettato per disperazione, quello del censimento. Non tanto per il lavoro in sé che, a dispetto delle apparenze, non è neanche così noioso, anzi. Però... É una cosa italiana, e ho detto tutto! Informazioni discordanti (quando e se te le danno), database che non funzionano mai, domande senza risposta... É uno stress continuo! E il brutto è che il peggio ha da venire!

6 commenti:

  1. E speriamo in un proficuo futuro allora!

    Sul censimento ... e pensare che a prima vista immaginerei la parte di contatto come qella più stressante :S

    RispondiElimina
  2. NON MOLLARE MAI!!!!!!
    accetta, e abbi fiducia! e non pensare che quello che accetti per disperazione sia sbagliato, porterà i suoi frutti! Credimi
    io che mi sono costruita un lavoro a mia misura, ci ho messo tutta la vita. E ha i suoi alti e bassi, i suoi pro e contro.
    Credi in te stessa, nel tuo progetto e vedrai che la vita fa tutto il resto
    (sono abbastanza vecchia e saggia per dirlo, poi se ci credo e lo pratico, questo è un altro discorso :-D )
    forza e coraggio, un abbraccio grande grande grande

    RispondiElimina
  3. in bocca al lupo per il tuo progetto futuro e per la fine del censimento! dai che ce la fai! :*

    RispondiElimina
  4. io l'ho fatto nel 2001, come coordinatore, ed ho giurato a me stessa che mai e poi mai, neppure se fossi stata sotto un ponte l'avrei rifatto. Però ripensandoci ora, mi ha insegnato molte cose: guidare un team, risolvere problemi e dare risposte precise.
    Purtroppo "le cose italiane" come le chiami tu, nascono quando nessuno si vuole prendere la responsabilità di essere chiaro e preciso. Nell'incertezza nessuno sbaglia, ma tutto va a rotoli.
    ah, i database che non funzionano mai li troverai anche in altri lavori ;)

    RispondiElimina
  5. @macy:dovevo conoscerti prima ;) comunque è vero. É un rimpallo di colpe tra comune e istat e chi ci rimette siamo noi, ultimi della catena.

    RispondiElimina
  6. sono veramente felice per le buone notizie che ci hai dato! Lo vedi che non bisogna mai arrendersi? Per quel che riguarda il censimento...beh...che pacco!!

    RispondiElimina