Passa ai contenuti principali

Livigno

A quanto pare Livigno va per la maggiore, anche se la mangiata gli ha dato del filo da torcere.
Quindi inizierò da lì con il mio breve diario di bordo, il che significa che inizierò con la gita che mi è piaciuta di meno! Mi dispiace per i fan di Livigno che sono approdati qui proprio perchè l'avevo nominata ma no, non mi ha convinta molto!
Iniziamo col dire che è una destinazione che non ho deciso io, e neanche del tutto il Ranocchia, piuttosto da casa sua premevano per andare a fare un fantomatico shopping scontatissimo al posto loro. Perchè, per chi non lo sapesse, Livigno è rinomata in quanto zona extradoganale, quindi esente tasse.
E perchè, per chi ancora ci credesse... NON è VERO PER NIENTE!!!  Sì, benzina e tabacchi si pagano effettivamente molto meno, ma per gli altri prodotti, quelli comuni, non vedo un grande risparmio. Probabilmente è successo quel che succede spesso: si sono fatti il nome e poi se ne sono un pò approfittati. Ma il mio essere estremamente tirch... AVVEDUTA mi allontana dal pericolo di cadere di certe trappole! Che proprio a me spendere per il gusto di spendere non piace!
Oltretutto il posto in sè non è tutto questo granchè come panorama e come paese. Voglio dire, se penso a un bel paese di montagna penso a Ortisei e a tutta la Val Gardena, a Canazei anche. Per dirne un paio. Mentre Livigno è un mucchio di case allungate in una valle, con negozi a destra e sinistra, senza eleganza nè "tipicità". Probabilmente in versione invernale rende meglio, mi sono sembrati attrezzatissimi per la stagione sciistica, però per quello che ho visto non vale una visita in questa stagione.
Oltretutto per arrivarci abbiamo speso ben 24 € di pedaggio per il tunnel di Munt La Schera perchè venendo da Malles si attraversa una parte di Svizzera e si arriva dritti dritti lì. 3,5 km in un cunicolo stretto stretto, che a me faceva un sacco paura, tra l'altro. In livornese lo definiremmo buodiulo. A voi la traduzione!
Insomma gita parzialmente bocciata (parzialmente perchè ci sono tantissimissimi posti più brutti, eh!). O almeno questo è il mio personalissimo giudizio!

La prossima tappa sarà al Lago di Resia. Devo convincere Elisa ad andarci, e soprattutto non posso perdermi un'occasione così ghiotta da fare la "maestrina", visto che io, toscana, ci sono già stata due volte e lei, trentina, mai!



Commenti

  1. LIVIGNO è magica !
    Resta nel cuore di tutti i turisti per sempre.
    Livigno,grazie di esistere.

    RispondiElimina
  2. 24 EURO DI PEDAGGIO???
    cos'è hanno usato i cucchiaini d'oro della regina per scavare il tunnel?:D

    RispondiElimina
  3. hai capito Livigno! Ne parlava tanto bene Mirko...ma va va!! A Canazei ha la "baita" la mia direttrice...

    RispondiElimina
  4. la mia amica tornava carica di zucchero...
    ^_^

    RispondiElimina
  5. @serena: questioni di gusti, in molti ne parlano bene! comunque poverina la tua direttrice :P

    RispondiElimina
  6. Scusami ma ti devo riprendere subito. Io sono altoatesina, non trentina! ;)

    Tornando a Livigno, nemmeno a me è piaciuta. In quota le cime sono spettacolari ma non va oltre (non sanno nemmeno preparare le piste da sci in modo decente).
    Un livignasco, scoprendo che vengo dalla Val Gardena mi ha detto "Vivi nel paradiso e vieni qui?" ma io se non vedo non credo!

    Sei stata fortunata, il pedaggio io l'ho pagarto 30€ in aprile e in quanto paesino tax free mi ero informata per degli obiettivi per Canny... quando ho scoperto i prezzi mi sono usciti gli occhi dalle orbite. Ma siamo pazzi?

    Bene, ora attendo il prossimo racconto!! :)

    RispondiElimina
  7. Una quindicina d'anni fa era molto più conveniente (o forse lo ricordo così perché ero giovane e fumatrice...)
    Resta il posto dove ho mangiato peggio in vita mia.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Diversamente titolati

Premessa numero 1. Io non ho nessun tipo di pregiudizio legato al titolo di studio: conosco dei laureatissimi e pure masterizzati ignoranti come capre e persone che con un serale hanno fatto una mega carriera nella dirigenza di grosse aziende. Che, fra l'altro, mi hanno raccontato di ingegneri da 110 e lode che non sapevano da che parte rifarsi per svitare un bullone. Ognuno sa fare il suo, lo può avere imparato studiando o lavorando, e ognuno può essere un genio o un caprone, a prescindere. Ma soprattutto (premessa numero 2) io la penso così: Per capirsi, quando ho iniziato a sentirmi stretta nel posto in cui lavoravo, ho preso a cercare QUALSIASI lavoro mi desse la possibilità di non restare a casa disoccupata e mandai CV anche per fare le pulizie. Mi chiamarono con L'UNICA FINALITÀ di chiedermi se ero proprio sicura, perché "hai una laurea". Risposi che certo che ero sicura, che avevo bisogno di lavorare e che NONOSTANTE LA LAUREA ero perfettamente in grado