Passa ai contenuti principali

Kinsella ki?

Premesso che non sopporto certi snobismi di persone (che si credono pensanti ma sono solo pesanti) che guardano, leggono, ascoltano solo cose impegnate e intelligenti a tutti i costi, devo dire che mi sono avvicinata ai libri della Kinsella per puro caso. Visto che la collegavo esclusivamente alla saga di I love shopping, e visto il mio rapporto antitetico con gli acquisti, presumevo che non mi potesse piacere.
Per il compleanno della Collega mi sono invece ritrovata a curiosare in librerie virtuali alla ricerca di qualcosa per lei, e ho trovato qualcosa per me.
Il primo è stato La ragazza fantasma: qui la ragazza protagonista ha a che fare con l'esuberante fantasma della prozia Sadie e la ricerca di una collana. Il secondo (subito dopo, non resistevo!) è stato Ti ricordi di me? ma mi ha deluso un po'. La storia della ragazza con l'amnesia che si risveglia con una vita totalmente diversa da quella che ricorda è sfiziosa ma il finale è un pò tirato via e il pathos si esaurisce troppo alla svelta. Infine il migliore secondo me: Sai tenere un segreto? Qui la protagonista si ritrova a raccontare tutti i segreti della sua vita ad un perfetto sconosciuto che risulterà poi essere il super-boss dell'azienda dove lavora.
Il plot è sempre lo stesso: c'è una ragazza sulla venticinquina che conduce un'esistenza normale, c'è un evento che irrompe nella sua vita stravolgendola, c'è l'amore, l'amicizia e un pizzico di mistero.
É però lo stile quello che conquista, le storie fresche e leggere scorrono via che è una meraviglia, ci sono situazioni romantiche e divertenti.
Consigliato a chi ama colorare la vita con un pò di leggerezza e anche a chi pensa che questi libri non siano il suo genere. Ne rimarrete piacevolmente stupiti.

Commenti

  1. son proprio d'accordo con te: piacevolmente stupiti!

    RispondiElimina
  2. Io non l'ho mai letta. Dovrò abbandonare i pregiudizi e decidermi a farlo...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. D'accordo con te! Io inizialmente la snobbavo, poi l'ho scoperta e mi è inaspettatamente piaciuta!! :-)
    Sai tenere un segreto? è anche per me il più carino...adesso mi piacerebbe leggere i suoi libri firmati col vero nome...:-)

    RispondiElimina
  4. ti consiglio di leggere anche la regina della casa, una giovane avvocatessa che va in crisi e si spaccia per governante anche se non sa fare nemmeno il caffè! esilarante!!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova