Passa ai contenuti principali

La teoria del botto

Quest'anno "DICE" che c'è poca affluenza turistica, rispetto agli scorsi anni. DICE così, DICE.
Io in ogni caso quest'estate l'ho passata per metà a dormire o dire di voler dormire e per l'altra metà in fila da qualche parte (in auto, in motorino, alla coop...) o a cercar parcheggio. O gli anni passati ero più paziente e, come dire, tutto ci sta, oppure questa DICEria non è poi così vera.
Oltretutto eravamo abituati che dopo il 15 di agosto fiorentini, milanesi e quant'altro caricavano le loro macchine e se ne levano, seguiti da urli di tripudio misto a disperazione di chi non li sopportava più, ma consapevoli che sono loro che ci fanno campare. Rimaneva soltanto qualche tedesco.
Quest'anno c'è più pandemonio ora che nella settimana di Ferragosto che è sempre stata quella clou, da che mondo è mondo.
E io ho una mia teoria, che è stata approvata da tutti quelli a cui l'ho proposta.
Ovvero che, causa mal tempo, non hanno più fatto i tradizionali fuochi d'artificio. Allora i turisti non si sono accorti che ormai Ferragosto è passato da mò e sono rimasti qui, ad aspettare i botti, il segnale per rifare le valige insomma.
Credo che bisognerebbe porre rimedio alla cosa. Perchè è vero che l'ospite è sacro, ma è anche vero che l'ospite, soprattutto quello con un poderoso clacson e uno scarso senso dell'ordine e della pulizia (chissà cosa pensano che servano i cestini dell'immondizia...), dopo 3 giorni puzza.
Come il pesce.

Commenti

  1. Bravissima!!!! Stranieri o italiani che siano, almeno avessero il senso della pulizia, ma basterebbe solo buon senso. Vorrei proprio vedere se a casa loro si comportano da maiali e vanno in giro di notte con le corna incastrate nel poderoso clacson!
    Un abbraccio. Massimo.

    RispondiElimina
  2. la mia teoria è che la gente in vacanza diventa isterica, più isterica che a casa sua.
    e se lo dico io che sono isterica c'è da fidarsi!

    RispondiElimina
  3. Come ti capisco cara... come ti capisco!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

San Remo 2012

Ormai anche io seguo fedelmente San Remo ogni ann o, puntata per puntata. Dopo che per un pò di anni lo avevo evitato accuratamente, se non facendo lo zapping strettamente necessario per beccare quel paio di cantanti che mi interessavano.  E' che seguirlo in compagnia è tuuutta un'altra cosa! Quanto ho riso in questi due anni passati con Bernacca, roba da lacrime agli occhi! Quest'anno avevamo programmato da giorni una chat live su skype perchè lei non frequenta social network. Il piccione non ha perso occasione e ora il suo pc non funziona più. Però ci hanno pensato le mie amiche blogger a tenermi compagnia! E che compagnia!!! Come ho già detto quest'anno il Festival non mi è piaciuto e, in corso d'opera, non ho cambiato idea.  Trovo difficile scrivere delle cose che mi sono piaciute di più. Quest'anno quindi non ci saranno classifiche o votazioni, ma un bell'elenco di promossi e bocciati! Gianni Morandi . Rimandato a settembre : non l