Passa ai contenuti principali

Ferragosto senza il botto. O sì?

Mentre inzuppavo annoiata i miei pan di stelle nel the alla vaniglia avevo visto il meteo. Piogge al nord e vento al sud. "E noi al centro!? Pioggia e vento come minimo!".
L'avessi mai detto.
Ma la bufera non si è scatenata subito. Era nuvoloso sì, e c'era un vento che portava via. "Però tanto si va in pineta, il vento non si sente e se schizzetta l'acqua non arriva". Anzi, s'era quasi quasi contenti perchè finalmente dopo tanto tempo s'è perfino per trovato un tavolo, evitando di mangiare l'insalata di farro sulle ginocchia. Dopo aver ciucciato l'ultima buccia di fico ecco che s'è sentito i primi goccioloni. Fuggi fuggi, appena in tempo. Mentre scappavamo a gambe levate per i sentieri del parco ho avuto un'illuminazione: ecco perchè sul giornale c'era scritto che la task force contro i gavettoni comprendeva anche un elicottero. Per sparare a Quello che li faceva dall'alto, i gavettoni. Non c'è altra spiegazione.
Che poi anche lì... Poi mi verrà detto che sono polemica ma insomma... Cioè, se non vuoi essere bagnato per ferragosto vai in montagna. O stai a casa, così non fai nemmeno traffico. Non è che se prendi uno schizzo d'acqua devi per forza chiamare i carabinieri (con una b sola). I gavettoni se non fatti da sciamannati sono anche divertenti. Alla spiagge bianche di Rosignano Solvay (e qui apro una parentesi: sono bianche di soda, non è la Sardegna. E l'acqua calda che ci arriva non sdono le terme, ma scarichi industriali. Giusto per puntualizzare). è tradizione che i ragazzi si mettono a bagno del canale e chi arriva si becca la secchiata. Non c'è storia. Io quando andavo là con FaC mi sono fatta tante di quelle risate. Perchè alla fine i gavettoni sono una cosa goliardica, non un tentato omicidio, come la vogliono far passare. Ho visto gente reagire con schiaffi pedate e quant'altro. Una donna, nel culmine della sua intelligenza suppongo, urlò: "mi bagnate il cellulare". I ragazzi risposero con un "OOOh" di sdegno e lei di risposta gli ha tirato le scarpe e la borsa. Con il cellulare dentro, ovviamente. Che poi vabbè, magari qualcuno dei gavettonanti esagera, ma in linea di massima sono gli altri ad esasperare la cosa. E poi ieri, leggendo questo fatto dell'elicottero mi sono un tantino turbata. La notizia troneggiava tra stupri, omicidi, furti, violenze. E cosa fanno loro!? Impiegano un elicottero per controllare che la gente, al mare, non si bagni. Roba da chiodi.
Comunque, tornando al mio ferragosto, dopo un pomeriggio passato a giocare a carte e una cena in casa a base di piazza ordinata per mangiarla sulla spiaggia come è tradizione, abbiamo pure preso un'acquata unica per andare a mangiare un gelato sul corso.
E poi... niente Fuochi Artificiali. Cioè, un ferragosto senza fuochi. Da che la Lunga è lunga non c'è ricordo di un ferragosto senza fuochi artificiali. Non mi sembra nemmeno che sia passato.
Comunque alla fine i gavettoni si son presi. E i botti li ho fatti io. Sapete com'è... le bibite gassate... la pizza salsiccia e peperoni...

Commenti

  1. ahahahahah. povero fabrizio. spero che i botti non li hai fatti in camera. sennò mica vengo a pulirla, eh. ;-)

    RispondiElimina
  2. ahahahahah. povero fabrizio. spero che i botti non li hai fatti in camera. sennò mica vengo a pulirla, eh. ;-)

    RispondiElimina
  3. per fare i gavettoni sono semplicemente uscita di casa :(

    RispondiElimina
  4. beh... i fuochi so' normali... magari hai aperto almeno la finestra???

    RispondiElimina
  5. i fuochi, per dovere di cronaca, mi sono stati restituiti tutti con gli interessi. e si sa, i tassi di interesse sono altissimi!

    RispondiElimina
  6. con il botto....
    decisamente, con il botto....
    ciao La Lunga
    un abbraccio e un ^______________^

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova