Passa ai contenuti principali

Il giorno più bello


Ultimamente si sposano un pò tutti e, entro l'anno, convoleranno un sacco di persone che conosco più o meno direttamente.
Ed è inevitabile che io pensi a come vorrei che fosse il mio matrimonio, anche se è tanto tanto lontano. So che il mio è un sogno irrealizzabile, ma non si sa mai, io mi sono portava avanti con il lavoro con un mero ricatto a Fabrizio. "Vuoi sposarti in chiesa? Bene a tutto il resto ci penso io". Se poi non mi sposo con lui, e se riesco a superare il trauma e trovare un altro aspirante marito beh, un qualcosa per ricattarlo si trova.
Io il mio matrimonio lo sogno così.
Gli invitati... beh... vorrei che fossero tutte persone gradite, che ci vogliono bene, che hanno voglia di stare insieme e divertirsi, e non che devi invitare solo perchè devi contraccambiare l'invito, o perchè sa brutto non invitarli, o perchè alla tua zia di settimo grado (invitata a forza pure lei) dispiacerebbe che non venisse invitato l'amico del prozio del cugino del fratello del cognato dello sposo. Insomma, se ne deduce che vorrei una cerimonia più che intima.
Il vestito sì lo sogno classico. Non dico bianco bianco ma insomma diciamo il classico vestito da sposa. Lo vorrei un pò scollacciato, tanto il mio matrimonio dei sogni è di luglio-agosto, sicchè... Ma tra le varie cose che compongono questo matrimionio-dei-sogni l'abito sarebbe l'unico vezzo a cui rinuncerei senza difficoltà, accontentadomi anche dei pantaloni di lino e la canotta vecchia con cui vado in spiaggia.
La cerimonia dovrebbe essere veloce velocissima, senza nacchere e chiacchere, visto che abbiamo aspettato fin troppo a diventare marito e moglie.
E dopo la cerimonia via tutti a pranzo/cena. E qui offro pure una scelta. O si va tutti alla festa dell'Unità e si paga alla romana, oppure, se proprio lo devono offrire gli sposi, frega, panzanella e salumi misti per tutti. E non pensiate che sono egoista, perchè vorrei anche che non mi si facessero regali. Così coi soldi risparmiati dall'organizzare un matrimonio esosomi ci riempo casa ed evito di trovarmi con 7 macchine del caffè, che non mi serviranno mai a nulla perchè mi piace il caffè della moka, e nemmeno un piatto in cui mangiare.
Il servizio fotografico gentilmente offerto da tutti i presenti dotati una macchina fotografica, evitando così agli invitati di aspettare ore e ore con la voglia di sbranarsi l'un l'altro e peggio ancora di sbranare gli sposi. E per evitare io stessa di trovarmi ribaltata su una balla di fieno con un (ex?) marito che mi guarda languido (ma sembra più scemo che languido) o distesa su un letto sfatto coi prosciutti all'aria. [si ringrazia gentilmente il fotografo di Cecina quello sotto i portici per le pose suddette].
E ovviamente niente video. Perchè il piccione è in agguato anche nei sogni, non vorrei ritrovarmi a Paperissima a culo all'aria o coi capelli in fiamme!

Commenti

  1. Brava Lunga, sarebbe sicuramente un bel matrimonio ... devo dire che non mi lamento del mio - avvenuto ben 15 anni fa - parenti (quelli obbligatori, non si scappa) ma soprattutto tantissimi amici: mi sono sposata alle 10.00 di mattina e abbiamo buttato fuori casa gli ultimi alle 2 di notte .... Tornando a te, non hai detto nulla della parte + bella del matrimonio ... IL VIAGGIO DI NOZZE!!! come lo vorresti ? un caro saluto! ;)

    RispondiElimina
  2. Ammetto di avere anche io i miei piccoli sogni a proposito (cose tanto piccole, tipo location/chiesa, quanto impossibili nella realtà) ma all'idea di pensare a una lista di invitati mi tremano le gambe. Adesso io sono una meridionale doc, calabrese pura dalla punta del telomero del braccio piccolo del cromosoma 1 alla punta del telemero del braccio lungo del cromosoma X...e non so se hai mai visto un matrimonio alla calabrese. Per dare un idea, quello che racconta Franco Neri è pura cronaca, niente di gonfiato. Ricordo che una mia compagna di classe per il suo diciottesimo compleanno fece una cena con relativo dopocena, in una sala ricevimenti, per circa 120 invitati...ed era solo un compleanno.
    Ste

    RispondiElimina
  3. io so già tutto nei minimi dettagli... mi manca solo uno da sposare, e che possibilmente sia d'accordo con la mia organizzazione!

    poi il pranzo vorrei una specie di picnic-buffet in mezzo ai prati... roba semplice come menù (tutto vegetariano perchè Quello lo convinco pure a diventar vegetariano se già non lo è all'origine) e che sia una grande festa!

    chiedo troppo?

    RispondiElimina
  4. buon weekend e scusa il commento troppo lungo...

    RispondiElimina
  5. idee molto chiare!
    tutto ok, ad eccezione di due cose.... quando organizzi un matrimonio o litighi con tutti o acconsenti a tante cose perché i genitori ed i suoceri sono i primi a non voler fare brutta figura e si invitano una miriade di persone proprio per ostentate questo affetto effimero e queste grandiosità economiche...
    anche i pezzenti vanno al ristorante... anche a costo di pagare a vita le rate del ristorante....
    seconda su cui non sono d'accordo è il caffè con la moka, ma solo perché lo trovo troppo forte... invece tu sembri avere la tempra di ingerirlo e digerirlo... beata te!
    comunque anche io sognavo un matrimonio come il tuo.... però poi sono dovuta scendere a compromessi.... anche se mi sono almeno presa la briga di litigare mandare a quel paese parrucchiere ed estetista 9 giorni prima del matrimonio ed a rimpiazzarli....
    il filmino l'ho aborrito anche io.... e su questo ce l'ho fatta...
    comunque considera che incanalata la via del matriomnio si entra in una spirale... già a partire dal corso prematrimoniale, cambiano molte cose e non vuoi sentirti diverso dagli altri...
    anche se c'è chi eccede per distinguersi e poi la sbaglia totalmente.... tipo una che fece il corso con me e si sposò a fine luglio (40° all'ombra) con stivali minigonna inguinale, collana hawaiana e fascia alla figlia dei fiori.... però tutto bianco lucente... ed io e Kevin l'avevamo sgamata 3 mesi prima della data a pomiciarsi un altro in un luogo sperduto.... insomma.... c'è chi ancora ride.... ma magari il suo matrimonio sarà il più felice al mondo...
    il mondo è vario ed avariato insieme

    RispondiElimina
  6. @red: il viaggio di nozze non so... se non ci sono ancora stata Vienna: sarebbe il coronamento di 2 sogni in un colpo solo!

    RispondiElimina
  7. @ste: ho avuto una coinquilina calbrese quindi so abbastanza di cosa parli!
    @federica: non chiedi assolutamente troppo e spero che si realizzi proprio come lo vuoi!
    @pupottina: ma infatti questo è solo quello dei sogni, e purtroppo so che dovrò scendere a compromessi. tipo inviti "per forza" e purtroppo niente frega e mortadella. però ci sono delle cose in cui sarò irremovibile e una su tutte è che non voglio sfarzi inutili. per questo ho sempre l'arma del ricatto! con fabrizio (che spero vivamente diventi mio marito un giorno) l'ho trovato così, così nessuno può interferire, i miei li tengo a bada io e i suoi col ricatto! ;P a lui tra l'altro non pare vero perchè queste cose organizzative non le sopporta quindi... con questo non intendo che voglio fare tutto io, lo fare insieme, ma senza boiate!!! e comunque per ora è tutto così lontano che possiamo solo parlarne quando capitano occasioni!

    RispondiElimina
  8. Beh, il mio matrimonio è stato esattamente come lo vuoi tu...tranne che per il servizio fotografico e il filmato...grazie a Dio non ci sono state cadute o roba del genere, solo una folata di vento che mi stava facendo ribaltare...è andato tutto a meraviglia...Qualche pezzo di video lo trovi su FB, quindi divertiti a guardarli...bacio!

    RispondiElimina
  9. Mi piacciono alcune tue idee ma in chiesa proprio no. :-(

    @Federica: anche io in mezzo al
    prato col buffet ma non vegetarianooooooo!!!

    RispondiElimina
  10. @serena: avevo visto che c'erano i video ma ero di fuga con mille cose da caricare... poi mi è sempre passato di mente di andarci a vedere. rimedio!
    @grissino: nel senso che in chiesa non lo vorresti fare? io lo uso come arma di ricatto perchè nemmeno io vorrei,anzi per niente!

    RispondiElimina
  11. @pupottina: mi ero dimenticata di dirti del caffè... io in realtà lo faccio a modo mio, leggero, per quello quello della moka non lo trovo troppo forte!

    RispondiElimina
  12. io scappo dal matrimonio...
    perché fondamentalmente non mi sento realizzata io di mio. non mi sento libera. e anche se la cosa che desidero di più al mondo è una famiglia, il matrimonio mi vincola. nelle esperienze che voglio fare... in tutto.

    però anche io vorrei che fossero gli invitati a fotografare.. :)

    RispondiElimina
  13. Sai che c'è, c'è che bisogna fare i conti coi sogni dell'altro, io vorrei un matrimonio in chiesa visto che i n comune ho già dato, coi soli amici genitori e fratelli, niente zii cugini che non vedi mai. Invece il mio lui sogna di sposarsi con 250 invitati, pranzo che inizia alle 12 con l'aperitivo e finisce alle 6 con la torta e poi tutti a ballare, se potesse si metterebbe anche l'abito da sposa. Uff che palle meglio un matrimonio simpatico e divertente ad uno tradizionale. bacio

    RispondiElimina
  14. @ma|be: è normale, ognuno è diverso e non tutti sognano le stesse cose. io al contrario senza mi sentirei un pò incompleta...anche se sono favorevole alla convivenza mi dico che se è presa seriamente non ci sarebbe assolutamente niente di strano a compiere quel passo in più!
    @stefy: per fortuna i nostri sogni non sono così differenti... almeno se non cambio fidanzanto!!! ma speriamo di no!

    RispondiElimina
  15. Matromonio ideale: gli sposi, i genitori, i fratelli/sorelle degli sposi, i testimoni. Finita la cerimonia, gli sposi partono per una lunghissima vacanza, lontani dal mondo civilizzato.
    Forse sono drastica, ma è la festa degli sposi e i parenti lontani e/o amici degli amici fanno solo confusione.
    Invece, mi piace tantissimo l'idea dell'abito classico!
    Ora, ti auguro di realizzare il tuo sogno e che nessun piccione si aggiri nell'aria!

    RispondiElimina
  16. Bellezza, a breve, molto breve, "convolerò" anch'io...e dovrei aprire un blog a parte solo per parlarne...e riderci su.

    P.S. Allora non sono l'unica che ha l'allergia ai fotografi, ai filmini e alle pose da film strappacuore...!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

San Remo 2012

Ormai anche io seguo fedelmente San Remo ogni ann o, puntata per puntata. Dopo che per un pò di anni lo avevo evitato accuratamente, se non facendo lo zapping strettamente necessario per beccare quel paio di cantanti che mi interessavano.  E' che seguirlo in compagnia è tuuutta un'altra cosa! Quanto ho riso in questi due anni passati con Bernacca, roba da lacrime agli occhi! Quest'anno avevamo programmato da giorni una chat live su skype perchè lei non frequenta social network. Il piccione non ha perso occasione e ora il suo pc non funziona più. Però ci hanno pensato le mie amiche blogger a tenermi compagnia! E che compagnia!!! Come ho già detto quest'anno il Festival non mi è piaciuto e, in corso d'opera, non ho cambiato idea.  Trovo difficile scrivere delle cose che mi sono piaciute di più. Quest'anno quindi non ci saranno classifiche o votazioni, ma un bell'elenco di promossi e bocciati! Gianni Morandi . Rimandato a settembre : non l