Passa ai contenuti principali

Full Monty e Baywatch


Da brava "secchiona" per tutte le medie e tutto il liceo l'educazione fisica è stato il mio tormento, il mio tallone d'Achille, la materia che mi abbassava la media. Anni e anni di umiliazioni, scelta nei giochi a squadre ultima fra gli ultimi, emarginata dai professori che "voi che non sapete giocare fate due passaggi per conto vostro, gli altri bravi fanno la partita", che magari se ci insegnavano invece di dirci così, maledetti loro, diventavamo bravi anche noi. E invece niente. Sempre e solo pallavolo. Come se fosse scontato che si dovessere saper giocare. E invece a me non era mai piaciuta. Ero passata dalla danza al nuoto e non l'avevo più mollato, ed era, sotto sotto, un motivo di vanto, da piccola anticonformista quale ero, fare uno sport che non faceva nessuno in classe.
Al liceo eravamo in due a fare nuoto. E aveva provato a chiedere al professore di portarci, almeno una volta, a far vedere che in fin dei conti bastava cambiar "campo d'indagine" per sondare che non eravamo così scarsi. Niente, non si poteva, troppo casinoso organizzarci nelle due ore, andare e venire dalla piscina, doccia, controdoccia. No categorico. Vaffanculo dovuto.
Per non beccarmi un voto basso almeno l'anno della maturità, che avevo studiato il triplo degli altri anni e di farmi rovinare da "quello di ginnastica" proprio non mi andava, mi sono aggregata al gruppo del balletto di FullMonty, a cui aveva promesso un 10 in pagella. E alla fine mi sono pure divertita... lontano della palle infide della pallavolo.
Però insomma... La rosicatura di non aver mai potuto dimostrare che non ero una mezza sega mi è rimasta.
Quindi potrete immaginare lo scazzo provato stamattina in piscina quando ho visto una classe intera fare lezione per imparare le tecniche di salvamento per prendere il patentino da bagnino. Classe guidata dal mio ex professore, quello che disse no mille volte.
Se avessi avuto una scarpa gliel'avrei tirata. Magari mi scoprivo un asso nel lancio del peso.

Commenti

  1. neanche a me mi volevano mai in squadra ... e avevano ragione ...

    RispondiElimina
  2. Potevi dimostrare a quel vecchio "matusa" che sei un asso in piscina e rinfacciargli di aver ceduto al tuo consiglio dopo molti anni, mentre tu ci eri già arrivata!

    RispondiElimina
  3. Anche io ho sempre e solo fatto sport acquatici, nuoto agonistico prima, pallanuoto dopo. Per quanto riguarda scuola, mi salvavo con il basket, ma soprattutto mi salvava il fatto che la prof era più presa dal chiacchierare con la collega di turno che non guardare noi. Le ragazze liceali che giocano nella mia stessa squadra di pallanuoto parlano di prove di corsa e di altre cose simili...e io ringrazio di non averle mai dovute fare!
    Ste

    RispondiElimina
  4. pure io sempre per ultima...

    però io avevo 10 in pagella l'ultimo anno: mi mancava qualche decimo per avere la media dell'8 pieno e avere il max dei punti.. quindi sono stata al centro di una super ingiustizia: nel secondo semestre non avevo mai fatto ginnastica, addirittura per 2 mesi uscivo prima (ma questo lei non lo sapeva perchè c'era stata una supplente)... e poi mi son presa 10 in pagella!!!

    RispondiElimina
  5. Educazione fisica era l'unica materia in cui avevo buoni voti!!!

    RispondiElimina
  6. Parli con una persona che era proprio "esonerata" dall'ora di educazione fisica!! (ovviamente per problemi alle ginocchia! non potevo fare sport, rotula "ballerina" come diceva l'ortopedico)...Però che str***o il prof, dai! Io gliel'avrei rinfacciato sai? Gli avrei fatto fare una figuraccia davanti a tutti, sarebbe stato un ottimo riscatto...tanto che te frega? Anche io, come te, unico sport nuoto...ma alla faccia dell'ortopedico gioco a tennis dall'età di 8 anni...e se le rotule ballano, lasciale divertire!!

    RispondiElimina
  7. @serena: belle le rotule ballerine!!! magari vogliono fare danza, che ne sai!!! guarda ho evitato di dirgli nulla perchè già io non riconosco nessuno se ha la cuffia, figurati lui a distanza di anni e rincoglionito come è sempre stato... però se lo trovavo fuori... solo che loro sono usciti prima :(
    @suysan ;P

    RispondiElimina
  8. @federica: beh oh alla fine per lingiustizie che fanno in genere a scuola quello è il meno! e magari 10 te l'ha dato per le fughe!!! sempre attività motoria è!
    @ste: bella la pallanuoto!!! a me piaceva, solo che ci facevano giocare un pò così a fine corso, nonci sono squadre o cose simili!
    @franz: come dicevo a serena non ho avuto l'occasione...
    @fragola: BEH, nel mio caso avevano ragione ma in foondi se avessimo cambiato sporto magari eravamo noi a non scegliere gli assi della pallavolo!

    RispondiElimina
  9. ma quanto mi stanno sulle palle i prof di ginnastica! anche io non li sopporto!

    RispondiElimina
  10. anche da me sempre e solo pallavolo e cheeeepalleee
    ma gli sport sono milioni
    ma poi a me non è mai piaciuta
    e in classe mia il 99 per cento erano imbranati il che si riduceva a una partita di tennis zero passaggi
    viva il nuoto invece se ti consola a me lo facevano fare a scuola materna e mai un giorno dico un giorno alle superiori

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Diversamente titolati

Premessa numero 1. Io non ho nessun tipo di pregiudizio legato al titolo di studio: conosco dei laureatissimi e pure masterizzati ignoranti come capre e persone che con un serale hanno fatto una mega carriera nella dirigenza di grosse aziende. Che, fra l'altro, mi hanno raccontato di ingegneri da 110 e lode che non sapevano da che parte rifarsi per svitare un bullone. Ognuno sa fare il suo, lo può avere imparato studiando o lavorando, e ognuno può essere un genio o un caprone, a prescindere. Ma soprattutto (premessa numero 2) io la penso così: Per capirsi, quando ho iniziato a sentirmi stretta nel posto in cui lavoravo, ho preso a cercare QUALSIASI lavoro mi desse la possibilità di non restare a casa disoccupata e mandai CV anche per fare le pulizie. Mi chiamarono con L'UNICA FINALITÀ di chiedermi se ero proprio sicura, perché "hai una laurea". Risposi che certo che ero sicura, che avevo bisogno di lavorare e che NONOSTANTE LA LAUREA ero perfettamente in grado