Passa ai contenuti principali

Ora basta!

Sembrava quasi fatta. A fronte di altre 2 persone in aspettativa, mi era stato prospettato un allungamento di contratto (negativo) ma in full time (superpositivo).
Ci avevo davvero sperato e creduto. Me lo meritavo, cazzo. Non mi meritavo, non più di altri, di trovare il lavoro appena finito il tirocinio. Ma a questo punto me la meritavo una gratificazione del genere. Una promozione, diciamo. Anche perché col part time da fuori-sede ci vado praticamente pari.
E invece no.
É andata che l'ultima proposta è solo il prolungamento. Niente soldini in più. Ho un lavoro che mi impegna come un full time, perché sono stata così cogliona da dichiararmi disponibile a qualsiasi orario, purché mi lasciassero il venerdì pomeriggio libero e così il mio orario è un'accozzaglia di ore che non mi permette di prendere nessun altro tipo di impegno. E ovvio, il venerdì lavoro 3 ore. Al pomeriggio.
Ma ora basta.
Ieri presa in contropiede ho detto che andava bene, anche se ho mostrato il mio scontento. Dopo una notte insonne la decisione già meditata ieri ha preso ulteriormente campo. No, belli miei, io questa proposta non l'accetto.
Questo no in qualche modo lo pagherò, ma questo episodio è stato la goccia, anzi no, la cascata che ha fatto traboccare il vaso. E va bene che per lavorare si devono accettare dei compromessi ma quando è troppo è troppo. Stavolta non sarò solo io a pagare.
Mi autocito da facebook.
Non è andata come speravo, ma non andrà nemmeno come sperano loro.

Commenti

  1. hai fatto bene: a tutto c'è un limite!

    RispondiElimina
  2. Ma dai, che pacco! Istintivamente ci viene sempre di dire sì, ma riflettendo fai benissimo a ribellarti...qui si esagera!

    RispondiElimina
  3. purtroppo siamo sempre sotto ricatto: il lavoro non si trova e spesso siamo disposti a tutto per averne uno. Ma ovviamente ogni cosa ha un limite e la gavetta non può avere tempo illimitato! Poi sicuramente prima di tutto viene la nostra serenità... Brava Ire!

    Vale

    RispondiElimina
  4. @tutt'e 3:avete colto nel segno, è l'aver passato ogni limite di decenza ad avermi portato all'esasperazione. Ho vissuto momenti che mi facevano pensare al mobbing perché ogni errore era mio (adesso con una divisione dei compiti diversa cercano di cogliermi in fallo ma non ci riescono!). Mi hanno attaccata in ogni modo, ma non perché sono io in quanto Irene ma perché incarno un modo di stare al mondo totalmente diverso da quello che concepiscono loro! Ho sopportato in nome del lavoro ma come il lavoro è a tempo determinato così lo è stata la mia pazienza!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Diversamente titolati

Premessa numero 1. Io non ho nessun tipo di pregiudizio legato al titolo di studio: conosco dei laureatissimi e pure masterizzati ignoranti come capre e persone che con un serale hanno fatto una mega carriera nella dirigenza di grosse aziende. Che, fra l'altro, mi hanno raccontato di ingegneri da 110 e lode che non sapevano da che parte rifarsi per svitare un bullone. Ognuno sa fare il suo, lo può avere imparato studiando o lavorando, e ognuno può essere un genio o un caprone, a prescindere. Ma soprattutto (premessa numero 2) io la penso così: Per capirsi, quando ho iniziato a sentirmi stretta nel posto in cui lavoravo, ho preso a cercare QUALSIASI lavoro mi desse la possibilità di non restare a casa disoccupata e mandai CV anche per fare le pulizie. Mi chiamarono con L'UNICA FINALITÀ di chiedermi se ero proprio sicura, perché "hai una laurea". Risposi che certo che ero sicura, che avevo bisogno di lavorare e che NONOSTANTE LA LAUREA ero perfettamente in grado