Passa ai contenuti principali

Fate tutti come Erode

Ho appena sentito al tg una notizia che mi ha lasciato di sasso.
Diciamo meglio.
Di merda.
Riporto il fatto: in un ospedale di Milano hanno deciso di premiare con 3000 € in più all’anno i 70 infermi che si lavano meglio le mani, puntando l’attenzione maggiormente sulla terapia intensiva neonatale.
Ecco una delle tante risposte alla domanda “Perché in Italia vanno male le cose?”.
Perché si ragiona all’incontrario, ecco perché.

Premetto che la mia rabbia e il mio pensiero scaturiscono anche dal fatto che io son quasi 28 anni che caco in continuazione per colpa di una qualche troia di infermiera che non si lavava le mani. Quindi ecco, diciamo che porto un pelino di rancore verso la categoria.
Comunque… ma che discorso è??? Cioè: tu premi delle persone, buttando nel cesso 3000€*70=210.000€, che vengono già pagate per fare un certo lavoro affinché lo facciano come in realtà dovrebbero fare di norma. Non mi torna.
Siamo con l’acqua alla gola nella sanità e butti 210.000 € così.
Diciamo meglio.
Siamo nella merda fin sopra ai capelli.

Non lo riesco a concepire.
Riuscirei a concepire invece se, ad un controllo sull’igiene, licenziassero seduta stante chiunque venissero trovato con le mani sporche. Quello sì, perché il lavoro di certe persone è anche avere le mani pulite. E se non lo fai bene, a casa e via avanti il prossimo, che magari ci sono in giro disoccupati con mani lindissime.
Ma sarebbe troppo bello, e le cose funzionerebbero troppo per il verso giusto. E in Italia, non sia mai.

Commenti

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Diversamente titolati

Premessa numero 1. Io non ho nessun tipo di pregiudizio legato al titolo di studio: conosco dei laureatissimi e pure masterizzati ignoranti come capre e persone che con un serale hanno fatto una mega carriera nella dirigenza di grosse aziende. Che, fra l'altro, mi hanno raccontato di ingegneri da 110 e lode che non sapevano da che parte rifarsi per svitare un bullone. Ognuno sa fare il suo, lo può avere imparato studiando o lavorando, e ognuno può essere un genio o un caprone, a prescindere. Ma soprattutto (premessa numero 2) io la penso così: Per capirsi, quando ho iniziato a sentirmi stretta nel posto in cui lavoravo, ho preso a cercare QUALSIASI lavoro mi desse la possibilità di non restare a casa disoccupata e mandai CV anche per fare le pulizie. Mi chiamarono con L'UNICA FINALITÀ di chiedermi se ero proprio sicura, perché "hai una laurea". Risposi che certo che ero sicura, che avevo bisogno di lavorare e che NONOSTANTE LA LAUREA ero perfettamente in grado