Passa ai contenuti principali

Mezzo meme

Era tanto che non facevo un meme, e ringrazio Federica e Sfefy per avermelo passato.
Si divide in due parti, una in cui elencare i proprio desideri, ciò che si vorrebbe fare nella vita, e un'altra in cui, per ogni lettera del nome di chi ce l'ha passato, indichiamo delle caratteristiche di quella persona. Federica indica un massimo di 10 desideri, adesso vediamo quanti me ne escono!
Alcuni sono un pò utopistici, e irrealizzabili, ma è un gioco e, almeno in quello, si può desiderare quello che ci pare!
Iniziamo...
  1. vorrei laurearmi, uscire dalla facoltà e trovare un posto dove fare tirocinio, un tirocinio fighissimo dove imparo tantissime cose, e poi, appena uscita di là trovare un lavoro ancora più figo, proprio sotto casa. (Cosa più irrealizzabile di tutte perchè sotto casa... ci sono i garage!)
  2. vorrei (tra mooolti anni) mettere al mondo un pargolo che sia fiero di chiamarmi mamma, e che abbia un papà degno di questo nome, e che sia anche un bravo marito (ne vorrò troppe?!)
  3. vorrei viaggiare un pò, visitare palmo a palmo Vienna, tornare a Londra, e fare una capatina in tutti i paesi nordici
  4. vorrei vincere tanti soldini senza nemmeno aver bisogno di spendere un euro con il gratta e vinci (sentite se sono poco tirchia!) da spendere un pò per me un pò per far del bene
  5. vorrei vivere almeno fino a 98 anni, perchè se non mi sbaglio è nel 2081 che si vedrà di nuovo in Italia l'eclissi totale di sole. Poi... un colpo secco e via!
  6. vorrei vedere Parlamento, Governo e politici tutti colti, in diretta tv, da un attacco di dissenteria. Tutti che corrono ai cessi, calpenstando I PIù BASSI che, arrivando ultimi, saranno costretti a farsela addosso.
  7. vorrei accendere i tg e sentire che invece che nelle solite ricerche cazzone ("dopo lunghi studi è stato scoperto che gli italiani hanno i peli del naso più lunghi dei francesi") i soldi sono stati investiti in ricerche vere. Scoprendo la cura per il cancro, per l'Aids e compagnia bella. E che ovviamente non se li possano permettere solo i miliardari.
  8. vorrei vedere davvero un mondo senza guerre nè fame, è un luogo comune, ma è così.
  9. vorrei scoprire un qualcosa per far vivere cani, gatti, pesci rossi e quant'altro almeno quanto noi... ma soprattutto.....
  10. vorrei avere una vita felice
Mi spiace per la seconda parte ma dopo diversi tentativi ho alzato bandiera bianca, perchè quelle poche parole che mi venivano suonavano più come offese che come complimenti! E non era davvero quello che volevo!
Lo passo a chiunque passi di qui e abbia voglia di farlo! Però poi avvisatemi che vengo a curiosare!

Commenti

  1. visto che è natale ti perdono!

    però voglio saperli lo stesso cosa ti era venuto in mente... ti capisco! io per fare quello di silvia ci ho messo tre anni... con S mi veniva in mente solo Santa Salubre e Stronza! quando si dice avere un lessico ricco!!!

    RispondiElimina
  2. un papà degno di questo nome
    ***
    Direi che questo lo hai trovato.

    visitare palmo a palmo Vienna
    ***
    Qui invece ti posso aiutare io :-P

    RispondiElimina
  3. @federica: ti basti sapere che con la i mi era venuto infantile che però voleva intendere solo che hai un'anima da bambina, nel senso buono, detto così però non suona bene!
    @grissino: per la prima cosa, speriamo, per la seconda... ci conto quando prima o poi riuscirò!

    RispondiElimina
  4. Io ti auguro che i tuoi 10 desideri si avverino al più presto ..

    RispondiElimina
  5. Che bello, l'hai fatto anche tu!!!! Ti auguro di realizzare i tuoi sogni... e che troverai il lavoro fichissimo sotto casa!!!

    ;-)

    RispondiElimina
  6. Vorrei si avverassero tutti, su qualcuno sicuramente puoi lavorare ed impegnarti per realizzarli, in altri ci vuole lo zampino della dea bendata, per i miracoli dobbiamo rivolgerci un po' più in alto.

    RispondiElimina
  7. si rimbocchi le maniche, signorina, che è tutto a portata di mano... ma almeno un euro, mi sa, lo deve spendere... altrimenti vincere a checchessia, la vedo dura dura...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova