Passa ai contenuti principali

Caccia al re

La settimana scorsa è andata in onda l'ultima puntata di "Caccia al re - La narcotici".
Ho seguito questa serie un pò a pezzi e bocconi, una puntata me la sono persa perchè coincideva con la prima di Pushing Daisies, l'ultima l'ho seguita in uno stato di agitazione che di sicuro non me l'ha fatta apprezzare nel modo giusto.
Comunque è una serie che ho apprezzato abbastanza,  non è il mio genere perchè preferisco la commedia, anche nei polizieschi preferisco quelli che stemperano un pò gli omicidi con un pò di ironia. Però è stato trattato il tema della droga in un modo senz'altro di impatto.
La trama in poche parole è questa: Daniele è un poliziotto che viene trasferito alla narcotici per risollevare una squadra non più operativa al 100%. Rimessa in sesto la squadra inizierà a dare la caccia all' Ottavo Re Di Roma, ovvero lo spacciatore più potente della città. Che scoprirà essere stato alla guida di un furgone che ha ucciso sua moglie anni prima, lasciandolo da solo a crescere la figlia Sara. Quest'ultima, ormai adolescente, è al centro della vicenda dei giovani. Di lei si innamora Marco, vivono una storia dolcissima, ma il migliore amico di lui si lascia irretire da una troietta bionda che lo trascina nel mondo dello spaccio, fino alla conseguenza più estrema.

Non mi è piaciuto:
-il tirar via le storie personali dei personaggi adulti, come quella tra Daniele e Daria (una collega dalla quale avrà un bambino). E' vero che l'intento della serie è un altro, ma allora non ce le mettere nemmeno!
-la scarsa verosimiglianza di alcune storie dei ragazzi (spero che un semplice studente di liceo non sappia costruire le bombe!)
-il doppiaggio di Gedeon Burkhard... OSCENO!!!!
-il fatto che, come al solito, muove più un pelo di topa che un carro di buoi, e il pelo di topa l'abbia fatta franca. Giacomo, l'amico spacciatore di Marco, viene ucciso perchè ha osato sfidare questo famigerato Re. Ludovica, la causa di tutto, se la scampa, va all'università a prendersi i 30 e lode e individuare prossime vittime. Datemi una pistola che la faccio fuori io! Basta mignotte, e che diamine!

Mi è piaciuto:
-Gedeon Burhkard, anche se si è un pò invecchiato dai tempi di Rex e, sempre a proposito di cani, ha messo su uno stravagante collo a Sharpei...

(qui era qualche annetto fa!)
-Le storie parallele, i casi di puntata.A volte un pò estremizzati, forse, ma di impatto per il significato "antidroga" che la serie voleva mandare.
-Ricky Menphis, nella parte del cattivo, non così tanto cattivo
-il finale, pieno di pathos. La morte di Giacomo è stata inaspettata ma sempre coerente on il messaggio: se sgarri paghi. Ripeto, peccato che la bionda non l'abbiano fatta fuori.

Commenti

  1. Ma noooooooo...ma quando lo trasmettevano? Vabbè che avrei dormito comunque perché non c'è sera che ultimamente non mi addormenti alle nove °___O Io adoro Ricky Memphis! Una come me che ha pianto come una cretina quando è uscito di scena a Distretto di Polizia! Cercherò di recuperarlo online in streaming...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

San Remo 2012

Ormai anche io seguo fedelmente San Remo ogni ann o, puntata per puntata. Dopo che per un pò di anni lo avevo evitato accuratamente, se non facendo lo zapping strettamente necessario per beccare quel paio di cantanti che mi interessavano.  E' che seguirlo in compagnia è tuuutta un'altra cosa! Quanto ho riso in questi due anni passati con Bernacca, roba da lacrime agli occhi! Quest'anno avevamo programmato da giorni una chat live su skype perchè lei non frequenta social network. Il piccione non ha perso occasione e ora il suo pc non funziona più. Però ci hanno pensato le mie amiche blogger a tenermi compagnia! E che compagnia!!! Come ho già detto quest'anno il Festival non mi è piaciuto e, in corso d'opera, non ho cambiato idea.  Trovo difficile scrivere delle cose che mi sono piaciute di più. Quest'anno quindi non ci saranno classifiche o votazioni, ma un bell'elenco di promossi e bocciati! Gianni Morandi . Rimandato a settembre : non l