Passa ai contenuti principali

Un pò di CUL-tura


Cercando un qualcosa di stimolante per la mia seduta mattutina (e così introduco subito il tema) mi è capitato per le mani il primo volume di un'enciclopedia degli animali che dettero AGGRATISSE con una rivista tempo fà.
Sfogliandolo ho scoperto una grande verità, una cosa sensazionale, che mi ha aperto gli occhi su una questione di vitale importanza e che ha sbugiardato una mia erratissima convinzione. Ovvero che alle zanzare piacesse pizzicare le chiappe perchè d'estate, a meno che non siate nudisti, quella è una delle ristrettissime zone che non si abbronzano, quindi restano bianchicce e tenerine. Ottime da pungere e succhiare! Sangue fresco e non cotto dal sole, che pare di mangiare il mallegato.

Invece la verità è un'altra.
Sissignori.
La verità è che le zanzare scientificamente si chiamano (udite udite) CULICIDI. Sì, avete capito bene. Come omicidi (ammazzauomini), insetticidi (ammazzainsetti) o pesticidi (ammazzacoseche appestano). Indi per cui culicidi=ammazzaculi.

Non fa una piega.
Ma un bubbone (e anche più di uno) sì.

Commenti

  1. .....senza le tue scoperte entomologiche, l mie giornate sarebbero prive di senso, cara lunga...

    RispondiElimina
  2. @grissino: ti rispondo qui perchè non trovo più dove hai postato l'altro commento...in realtà non ho trovato altri commenti tuoi. quindi se vuoi riscrivi comsa era perchè proprio non c'era! ma l'altra volta sì, lo ammetto. l'ho fatto sparire. era tipo la centesima volta che mi dicevi che non so fare fotografie ed era la centesima volta che ti dicevo che a volte sì era colpa mia ma spesso era colpa della condizione e soprattutto mi ero arrabbiata quando avevi insisitito nel dirlo dopo che ti avevo spiegato che s'era rotta la macchina per altro nuova! io ci butto molta ironia, sono la prima a scehrzare sulla sfortuna e pensa un pò pure sui miei difetti! e sono la prima a riderci sù quando gli altri mi prendono in giro simpaticamente. e lì non mi è sembrato molto "simpaticamente". ecco tutto. un conto è un parere diverso, un conto è affermare delle cose senza troppo saperle,no?
    @la pina: grazie grazie, ora verrò assunta da piero angela secondo te?

    RispondiElimina
  3. ohi, mammagari pungessero solo i froci, oh! :-P

    RispondiElimina
  4. e così si spiegano tante cose.... tu ad alberto angela gli fai un baffo mia cara!!!

    RispondiElimina
  5. ahahahahahahah
    ecco perché!
    infatti ogni cosa ha il suo nome!

    RispondiElimina
  6. Direi che è un nome azzeccatissimo!

    RispondiElimina
  7. è vero è vero! ahahah! quando capitava in una versione di latino si rideva come matti: culex=zanzara ahahah

    RispondiElimina
  8. Questa mi mancava! ihihihihih troppo forte! :)

    RispondiElimina
  9. Ora capisco perchè d'estate le mie chiappe sembrano affette da morbillo a causa dei puntini rossi....
    Sei meglio di Alberto Angela!

    RispondiElimina
  10. ora mi sento una donna diversa, + erudita, e quando le ammazzerò mi spiacerà perchè quello di pungermi le chiappe è il loro compito...come te la passi? è un po' che non ti saluto, quindi...CIAO!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova