Passa ai contenuti principali

Rory Gilmore, una di noi

Non so se sbaglio ad attribuirne la causa all'avvento del digitale terrestre, ma da un tot di anni a questa parte mi pare che raccapezzarsi nei palinsesti televisivi sia diventata una mission impossible.

Ciò è vero soprattutto se si vuol seguire una serie tv. Fortuna che c'è internet, perché se vuoi vedere un telefilm adesso col digitale ti può capitare di trovare un canale che lo trasmette anche per 12 episodi al giorno ma in ordine sparso, personaggi che invecchiano e ringiovaniscono, spariscono, muoiono e ricompaiono nella puntata successiva che in realtà non è quella dopo" ma la prima, mentre tu avevi appena visto la 15 della sesta serie.

DA IMPAZZIRCI.

Io confesso però di avere un debole per certe serie e non importa che puntata stiano mandando. Riguardarne una replica mi fa sempre piacere. Una su tutti SVU, non fosse altro per Elliot Stabler e il suo carico infinito di testosterone.

Un'altra serie da riguardare a più non posso per me è Una mamma per amica. Mi fa sempre sorridere. Ma, a proposito di internet, fortuna che in tv non fanno vedere le ultime quattro puntate registrate appositamente per Netflix perché non le vorrò mai più riguardare. Per chi non sa: la creatrice dello show Amy Sherman Palladino era andata via alla penultima stagione, e il suo sostituto non sembrava essere stato all'altezza di darne degna conclusione. A me non era dispiaciuta. Avevamo seguito fin da quando era ragazzina Rory, studentessa modello appassionata e piena di sogni, e vederla partire per il suo primo incarico da giornalista ce la faceva immaginare in una vita piena di possibilità. La Palladino, che aveva fatto un gran puzzo per dire che lei sarebbe stata più brava, ce l'ha fatta ritrovare a dirigere praticamente GRATIS il giornaletto scialbo del suo paesello.

Parliamone.

La brillante e intelligentissima Rory Gilmore è più diversamente occupata di me.

Cara Amy Sherman Palladino. Il tuo fine serie non mi è piaciuto per nulla ma il messaggio l'ho recepito forte e chiaro: se non ce l'ha fatta Rory Gilmore, noi comuni mortali possiamo davvero metterci l'anima in pace.

Commenti

  1. Questa è stata una delle serie preferite da mia madre. Lei e mia sorella in fissa totale.

    RispondiElimina
  2. Non amo le serie infinite che durano anni tipo segreti o beautiful...mi piacciono le fiction . Ciao

    RispondiElimina
  3. Purtroppo ho visto le puntate extra uscite su Netflix e che dire?
    CI SONO RIMASTA DI MERDISSIMISSIMA.
    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non parliamo poi della famose 4 parole finali!

      Elimina
    2. Vere e proprie coltellate al cuore :(

      Elimina
  4. Mai visto. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. Io non l'ho mai guardato Una mamma per amica.
    Questo mese ho.fatto l'abbonamento prova a netflix... mannaggia a me! È davvero di una comodità infinita

    RispondiElimina
  6. Non amo molto le serie e non ho la costanza di seguirle. Preferisco i film. Un salutone è, a presto.

    RispondiElimina
  7. Ecco, dopo aver saputo che non finisce bene credo sia meglio preservare i miei nervi e cancellare il mio programma di vedere quelle ultime quattro puntate. I miei neuroni ti ringraziano.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L'insegnamento di nonna

Mia nonna ha passato i 90 e, pur essendo ancora in gamba, ogni tanto mi prende il magone del tempo che passa troppo velocemente per godermela a pieno.
Una di quell'età e con una vita come la sua ha tanto da insegnare. Per prima cosa ad affrontare la vita per come viene.  Io le dico spesso: "Mica ci arrivo alla tua età, mi incazzo troppo spesso". Lei mi risponde con un minaccioso "Bada bimba!", e così ci capiamo su cosa mi vuol dire.


Prima di iniziare il lavoro questa estate un pomeriggio sono passata a trovarla e le ho raccontato che stavo per ricominciare la stagione ma che ero stanca perché a scuola avevo avuto un bel da fare, più che altro per i problemi che per l'incompetenza delle segreterie avevo (e ho) da strigare. E ormai sono sempre più consapevole che sono le rotture di coglioni a far stancare, mai il lavoro in sé per sé.

Allora lei mi ha raccontato di quando era giovane che sì, le cose nel lavoro erano ben diverse, ma anche che le cose della vit…

In questi giorni...

sono quasi guarita dall'influenzaho capito che un giorno iniziato male perchè hai dormito 3 ore (perchè la tua vicina di stanza ha fatto bisboccia con le amiche galline fino a tarda notte) può finire peggio (con tanto di semisvenimenti e vomitino tanto per gradire)ho scoperto che odio un certo genere di musica ma non so cosa sia, chiedete alla mia coinquilina che l'ascolta a tutto volumeho scoperto anche che studiare psicofarmacologia e ascoltare " para parà ra rara" dei Frank Head non sono molto conciliabili ma è per evitare di sentire il suddetto tipo di musica...ho passato un momento cacchio-devo-cambiare-qualcosa ma non potendo andare dalla parrucchiera (ci sono stata da poco e soprattutto l'unico grosso cambiamento che mi potrei permettere è rasarmi i capelli o farmeli verdi) ho deciso di cambiare il look del mio blogghino. Ero partita sparata per mettere uno sfondo montano perchè la montagna per me significa relax, ricaricare le pile, aria pura, cielo azzur…