mercoledì 7 settembre 2011

Gino ha i miei stessi punti di vista

Tre citazioni, direttamente dai tre miei preferiti:

"Io non sono scorbutico, è che gli altri sono teste di cazzo." (Il Signor Gino, dal film Si può fare)
"Gino ha i miei stessi punti di vista" (Daniele Silvestri, Gino e l'alfetta)
"Ho sempre provato nella mia vita, chissà perchè, un sottile senso di non appartenenza, ovunque fossi,in qualsiasi situazione mi trovassi,fosse stata persino una cena tra amici, magari anche solo per qualche istante, mi sentivo fuori posto. Figuriamoci adesso. No, non posso dire di essere stato un uomo in pace con se stesso, ma questo non ha mai rappresentato un problema per me. “Prima di star bene con gli altri devi imparare a star bene con te stesso” si dice. Può darsi, può darsi che a causa di questo mio malessere interiore abbia coltivato, e devo dire con sottile piacere, una certa tendenza alla misantropia. D’altra parte quelli che stanno bene con se stessi io non li sopporto, non li ho mai sopportati, sono sempre un po’ coglioni." (Lorenzo Licalzi, Cosa ti aspetti da me?).

Queste tre frasi raccolgono il mio stato d'animo, nonchè la mia filosofia di vita.
Da quando sono tornata in Toscana sono stata "costretta" a fare più vita sociale e non sempre con persone con cui avrei voluto. Non che in Romagna non parlassi con nessuno ma ero in quella situazione privilegiata in cui uno può scegliersi la compagnia secondo i propri "gusti". Così potevo passare un pomeriggio a chiaccherare davanto un gelato parlando di tutto con persone piacevoli. 


L'ultimo fatto è una cena di compleanno a cui siamo stati invitati. Non abbiamo saputo trovare una scusa decente e alla fine ci andremo ma ci vado più controvoglia di quando andai alla cena coi colleghi. Mi dispiace perchè il tizio è il ragazzo di una mia amica e non vorrei far dispiacere a lei però nè mi sta simpatico lui nè mi sembrano carine le condizioni della festa. C'è un menù a prezzo fisso (alto) e un orario indegno (a quell'ora di solito mi sto appropinquando al letto!) a cui andare a cena. Rimugino e rimugino sulle cose che potremmo acquistare per la nostra casa con quei soldi che nemmeno mi godrò perchè immagino che nemmno cenerò granchè.


Sto dando troppa importanza alla cosa, lo so, ma alla fine è anche vero che non sono davvero nel periodo giusto per sopportare alcunchè.
Ed è vero che si dice che quando c'è la salute c'è tutto. Ma la mia salute mentale sta iniziando a vacillare!

12 commenti:

  1. C'è sempre la scusa della dissenteria dell'ultimo minuto :)

    Comunque ti capisco, ci sono dei periodi in cui ognuno di noi sopporta a malavoglia chi ci sta intorno ..

    RispondiElimina
  2. quando mi dicono " la salute è tutto " mentre rischi di venire investita all'incrocio dove la tua automobilina ti ha abbandonato da qualche automobilista idiota, oppure quando vai a pagare il meccanico e provi con il primo bancomat (transazione negata) , secondo bancomat(transazione negata , pure lui) e tiri fuori la carta di credito e cominci a sudare al solo pensiero che non sai come pagarla.... ecco mi sale un'istinto omicida, proprio dalla pancia... e pensi che se tutto ha un perchè , tu non lo capisci proprio quel perchè, anzi non lo trovi nemmeno quel perchè. E inviti a cena , o no, mi sento sempre fuori posto, quasi fossi indegna di esserci, in quel posto. Perchè tutto sembra andare a rotoli, tutto nel senso sbagliato rispetto a quello che avevi programmato. Dicono che a 40 anni si ricomincia a vivere . Io son 2 anni che aspetto questo nuovo inizio! Mi immaginavo con i figli grandicelli( questo c'è) con un lavoro che mi piace( questo c'è) e sicuro ( questo NON c'è) , con una bella casa ( c'è il progetto, ma non i soldi per attuarlo) a godermi le meritate vacanze ( what is V A C A N Z A ?)
    Ho come l'impressione che tutto sia un grande clamoroso imbroglio... ma non so a chi rivolgermi per protestare e mettere le cose a posto.
    lascio che sia , a volte. e a volte funziona.
    altre volte è tutto tremendamente sbagliato... e mi incazzo!!!!! E se la salute è tutto ( verissimo) mi chiedo per quanto lo sia , dato che io mi ritengo psicolabile conclamata a forza di sbattere a destra e a manca contro le sfighe più fantozziane che uno possa immaginare...
    ma la salute è tutto, e l'alba arriva dopo la notte più buia...

    RispondiElimina
  3. ha ragione Katiu!una bella scusa dell'ultimo minuto è quella che ci vuole!
    comunque se proprio te inizi a dire che la tua salute mentale inizia a vacillare...eheheh

    RispondiElimina
  4. La terzia citazione mi rappresenta un sacco!!! :D

    RispondiElimina
  5. non sei tu che conoscevi quella della scusa della "fame nel mondo"?

    feste con prezzi alti ad orari improponibili.... brrr che paura!!!

    RispondiElimina
  6. @federica: ahahah sì sono io... tra l'altro me l'aveva raccontata questa ragazza fidanzata con questo della cena!

    @nega: èbello tutto il libro, io lo consiglio vivamente!

    @katiu e maruzza: tra l'altro son 28 anni che soffro di vera cagarella.. una più una meno...

    RispondiElimina
  7. @federica: ahahah sì sono io... tra l'altro me l'aveva raccontata questa ragazza fidanzata con questo della cena!

    @nega: èbello tutto il libro, io lo consiglio vivamente!

    @katiu e maruzza: tra l'altro son 28 anni che soffro di vera cagarella.. una più una meno...

    RispondiElimina
  8. Anch'io non sono proprio scorbutica ma molte delle persone che frequento mi stanno sulle scatole e devo starci insieme per forza.

    Baci

    RispondiElimina
  9. Come ti capisco...anche io a volte proprio non riesco in certe situazioni...e proprio non mi va di andare eppure DEVO...mi sento tanto fuori luogo e non a mio agio che...vabbé cara, porta pazienza!

    RispondiElimina
  10. ti capisco in pieno. io riesco proprio poco a fare buon viso a cattivo gioco, però purtroppo a volte è l'unica soluzione possibile. Ho imparato sulla mia pelle che è meglio non chiudersi nessuna porta in maniera definitiva (tranne in casi eccezionali) perchè il rischio è poi quello di non avere più una degna scelta :*

    RispondiElimina
  11. che rottura doversi rapportare con persone che non si sceglie di avere vicine per piacere... Gia' a me bastava l'orario improponibile per non andarci... Se è amica capisce. Io al compleanno di una carissima amica non sono andata, non avevo voglia di vedere persone che detesto e che mi avrebbero fatto 2 scatole enormi perche' non ho figli.... Quest'anno sono andata a casa sua a guardarle il gatto per 10 giorni!!! Pensi che se la persona ti conosce bene e ti vuole bene, non potrebbe capirti?

    RispondiElimina