Abilità residue

Studi dimostrano che, col passare degli anni, nello specifico quando si è anziani, le abilità che restano sono quelle più utilizzate, esercitate con costanza nella vita quotidiana.

Ho fatto 5 anni di liceo linguistico, 3 dei quali ho studiato il tedesco. Alla fine padroneggiavo bene la letteratura ed ero in grado di produrre testi piuttosto lunghi e con concetti complessi (non a caso per la seconda prova della maturità scelsi il tedesco!). 

Ora, se penso al tedesco, mi viene in mente solo "Ein mit Kraut".

[Stasera nel mio paesello inizia la festa della birra bavarese, son già lì con il pensiero!]

Commenti

  1. diciamo che hai selezionato le abilità residue all'"essenziale" :DDD
    ps:brava,il tedesco so che è difficilotto

    RispondiElimina
  2. A me il tedesco piacerebbe tanto saperlo!

    Innanzi tutto perchè metà dei giochi da tavolo miei e dei miei amici li compriamo in tedesco (costano la metà rispetto all'edizione italiana!)
    ma poi, sopratutto, perchè quando a volte penso che potrei emigrare per lavoro ... le mete sono essenzialmente due: o la Toscana o la Germania!

    RispondiElimina
  3. ahahahahahahhaha :) effettivamente anche io ho fatto tedesco sia all'università che al liceo...ma forse dopo la laurea dovrei riprenderlo un pochino visto che gli ultimi anni ho usato molto di più l'inglese...

    RispondiElimina
  4. Anche io lo stesso con il tedesco!! Stessa cosa alla maturità, adesso non so più spiccicar parola :-(

    RispondiElimina
  5. direi che sei a psoto così... non necessiti di un ripasso!!

    RispondiElimina
  6. Ho aperto un nuovo blog di cinema dove ognuno può collaborare scrivendo "recensioni", passa se ti va: http://onewordaboutcinema.blogspot.com/

    A presto!

    RispondiElimina
  7. A ripensarci non so proprio cosa potrei rispolverare fra qualche anno...

    Un bacione

    RispondiElimina
  8. Non immaginavo avessi fatto il linguistico, chissà perché pensavo avessi frequentato il classico...ma che bello! BRAVA!

    RispondiElimina
  9. che vergogna, io che ho un nome tedesco ,ho sposato un sudtirolese( da parte di padre, la madre è comasca) e vivo in quel di Eppan... conosco le parolacce, e l'essenziale per sopravvivere, e nulla più. Di solito sono gli autoctoni che si divertono a a parlare l'italiano con me...Ho un gene difettoso, è l'unica ipotesi plausibile ....io e le lingue, e anche i dialetti siamo su galassie diverse.
    dicono che esistono varie intelligenze, io sto cercando le mie da tutta la vita...che vergogna..

    RispondiElimina
  10. Uh, brava! Il tedesco non è per niente facile soprattutto da scrivere! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L'insegnamento di nonna

Essere servizio-civilista