Passa ai contenuti principali

Chi dimentica è complice.

Sebbene possa sembrare una neofita del mondo dei blog, in realtà scrivevo già quasi 10 anni fa. Lo testimonia il fatto che nell'archivio siano spuntati i vecchi post che, fra l'altro, per me è divertente rileggere.

Il blog non si chiamava così, anche perché è nato quando ancora studiavo e certo non mi immaginavo (o quanto meno ci speravo) di fare la fine lavorativa che ho fatto. Il mio primo blog si chiamava "Sotto il segno del piccione", traccia che ho comunque voluto tenere nel sottotitolo di quello nuovo.
Lo avevo scelto per metaforizzare, diciamo così, la sfiga che avrei raccontato. E questo perché, neanche troppo di rado, se un qualche volatile doveva mollare in mezzo a una folla di persone, sceglieva me. Dando origine anche a racconti per cui ho visto facce incredule da tanto la situazione era assurda.

Se non è una metafora della mia vita quella...

Bene, gli anni passano, il titolo l'ho cambiato, ma gli escrementi restano. Metaforici e non.

Per non dimenticare le origini ecco un bel trittico di esperienze che mi son capitate in tempi non sospetti.

- Tornando da una gita piuttosto fuori porta mi fermo in un autogrill per andare al bagno e trovo l'ennesimo bagno alla turca (e per inciso, perché mai in Liguria non hanno i water e solo quegli schifosissimi buchi per terra?!). Mi bardo per ogni evenienza, mi arrotolo i pantaloni e mi avventuro certa che fili tutto liscio. Peccato che a metà strada ho iniziato a sentire odore di pipì umana e, guardandomi le gambe, mi accorgo di essere io ad emanarlo perché i miei adoratissimi pantaloni a zampa per capillarità hanno assorbito pipì NON MIA fino al ginocchio! Oltre ad esternare il desiderio di darmi fuoco, devo precisare che qualcuno la doveva aver fatto nell'antibagno!
- Qualche settimana fa decidiamo di andare al cinema in una multisala in città. Per strada, visto chr non è così vicino, mi scappa la pipì e mi a costo in un boschetto. Trovata la posizione giusta, mi calo le braghe e... Sento uno splat seguito da una  sensazione  strana sulle chiappe. Ebbene... Un qualche simpatico volatile mi ha beccato proprio lì! Non vi sto a dire che sono uscita dal boschetto con i pantaloni calati per cercare una salvietta e pulirmi da quello schifo. Ma la mia domanda è: ma in testa come tutte le persone normali no eh?
- The last but not the least... Fiera degli animali (e la location promette già tantissimo), fila di mucche chianine giganti tutte girate di dietro. Una alza la coda e inizia a fare la pipì. Il primo mezzo secondo rido ma poi capisco che il dramma è dietro l'angolo e mi sposto. Ecco che infatti quella grandissima vacca che è accanto alla pisciona inizia a sventolare la coda e a mò di racchetta spara la pipì verso i visitatori prendendo in pieno SOLO ME.
Un post condiviso da Icaro (@i_caro83) in data:
Che dite, sono ancora sotto il segno del piccione?!

Commenti

  1. ... se ne potrebbe fare una divertente serie Tv ...
    ... il titolo "nata sotto il segno del piccione" pare intrigante ...

    RispondiElimina
  2. non rido, sono solidale amica di cacche!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

San Remo 2012

Ormai anche io seguo fedelmente San Remo ogni ann o, puntata per puntata. Dopo che per un pò di anni lo avevo evitato accuratamente, se non facendo lo zapping strettamente necessario per beccare quel paio di cantanti che mi interessavano.  E' che seguirlo in compagnia è tuuutta un'altra cosa! Quanto ho riso in questi due anni passati con Bernacca, roba da lacrime agli occhi! Quest'anno avevamo programmato da giorni una chat live su skype perchè lei non frequenta social network. Il piccione non ha perso occasione e ora il suo pc non funziona più. Però ci hanno pensato le mie amiche blogger a tenermi compagnia! E che compagnia!!! Come ho già detto quest'anno il Festival non mi è piaciuto e, in corso d'opera, non ho cambiato idea.  Trovo difficile scrivere delle cose che mi sono piaciute di più. Quest'anno quindi non ci saranno classifiche o votazioni, ma un bell'elenco di promossi e bocciati! Gianni Morandi . Rimandato a settembre : non l