lunedì 9 luglio 2012

La patria, bene o male


Ho puntato questo libro quando ho visto che uno dei due autori era Massimo Gramellini. L'altro, Carlo Fruttero, ho saputo chi era quando è morto, e non ho mai letto niente di suo. So però che Gramellini lo considera in un certo senso il suo maestro, quindi devo per forza rimediare.

"La patria, bene o male" non è un romanzo, non è un saggio, non è un libro di storia.
E' una specie di "Buongiorno", scritto per ogni anno (o quasi) dei nostri 150 anni di Unità d'Italia. C'è spazio per la cronaca, per la politica, per il costume e perfino per i gossip.
Consigliato a tutti, ma soprattutto a quegli insegnanti che costringono i propri alunni a lunghe letture pallose che si dimenticheranno nell'istante in cui volteranno l'ultima pagina. Leggetelo e consigliatelo alle nuove generazioni di lettori.

6 commenti:

  1. Deve esserti proprio piaciuto! ^^
    In effetti alcune letture scolastiche andrebbero riviste e sostituite...:-)

    RispondiElimina
  2. che pacco i libri di storia! spero cambino registro nelle scuole...

    RispondiElimina
  3. se lo trovo in biblioteca... sarà mio!!!

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio per la segnalazione.

    Bacio

    RispondiElimina
  5. Farò tesoro del tuo consiglio

    RispondiElimina