Passa ai contenuti principali

Giornate tipo

La sensazione che le giornate siano tutte uguali.
Il rimanere in pigiama tutto il giorno. O, quando è grassa, togliere il pigiama per mettere la tuta.
Uscire solo per fare la spesa. E anche per quella, con moderazione.
Scombinare tutti i ritmi sonno veglia, anche se ti sei imposto di svegliarti presto e fare una vita regolare. Poi però ti prende l'inedia e vai a letto tardi, magari dormi male, con mille pensieri.
Controllare via via il telefono, o la mail, in attesa di una bella notizia. Ma niente.
Ridurre la vita sociale perché non si può uscire ogni sera per locali a farsi l'aperitivo.
Mandare a fanculo col pensiero tutti quei post sul mantenere la positività, l'ottimismo e la speranza. Perché all'inizio sì, ma dopo tanto tempo uno cede...

No, non sto descrivendo la quarantena.

Questo è un normale stralcio di vita di un disoccupato.


Commenti

  1. Mi spiace, avevo pensato che stavi parlando della quarantena !!! E' vero , la disoccupazione è ancora peggio. Forza !!!

    RispondiElimina
  2. Beh, in effetti oggi siamo tutti un po' in quella situazione... e purtroppo temo per il dopo... :o

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Cara Icaro, la quarantena è lunga, e speriamo quando è passata che non cambi nulla.
    Forse saremo noi che dovremmo cambiare, di pensare.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
     Tomaso

    RispondiElimina
  4. Hai perfettamente ragione, la quarantena è una passeggiata in confronto alla disoccupazione.
    Un abbraccio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. A me viene già l'ansia al pensiero che potrei fra pochissimo finire in disoccupazione. Infatti sto preparando dei curriculum da mandare nei vari supermercati o agenzie di pulizia. Vedremo...

    RispondiElimina
  6. non dobbiamo dimenticare come si stava prima, come stavano molte persone e come era ed è questa società che spesso dimentica

    RispondiElimina
  7. Conosco perfettamente questa routine, perché è anche la mia.
    Ciò che per me fa la differenza sono le parole, quelle scritte e quelle lette.
    Mi salva la scrittura e la lettura.

    RispondiElimina
  8. Tra la quarantena e la vita da disoccupata c'è una differenza importante: ora guardo il computer solo per cazzeggio o per cercare cose che mi interessino, prima era per inviare cv da mattina a sera.
    Personalmente, sto molto meglio adesso rispetto a quei mesi là.

    RispondiElimina
  9. Com'è che si dice? Ad Maiora? ad majora sia!

    RispondiElimina
  10. anche io pensavo parlassi della quarantena..... ma anche da disoccupata puoi uscire o andare a bere un caffè con una amica.....ora proprio no , anche le piccole cose sono negate.....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà.

Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti).

Ecco, pare che sia pro…

Sospetto

Non sono sicura eh...

Ma credo che ho oggi ho avuto il mio primo vero colloquio di lavoro.

In tutto ciò io ero piegata a 90° (letteralmente) dentro un armadio e ho risposto tutto il contrario di quello che avrei dovuto.

A mia discolpa si è trattato di un'azione perpetrata a tradimento.

O la va o la spacca.