Passa ai contenuti principali

Stessa scuola, stesso mare


 La cosa che mi diverte del lavoro da bidella è osservare la scuola da un inaspettato punto di vista, dopo averla lasciata, ormai secoli fa, da studente. Al di là del mero gossip (che comunque mi piace eh) su quale ragazzino di terza si sia preso la cotta per quella di prima tanto carina oppure se il prof X ha fatto una nuova scenata ai consigli di classe, il vero lato interessante è apprezzare quelle sfumature che sono l'ambiente scolastico può offrire.

In fin dei conti da una scuola ci siamo passati tutti e abbiamo dei ricordi particolari, più o meno belli, su professori, compagni o magari proprio sui bidelli. 

Oggi mentre passavo nel corridoio ho sentito una prof che sgridava i ragazzi. Lei è la più giovane fra i docenti, credo che sia al primo incarico, e a vederla sembra quasi una studentessa delle superiori. Le ho sentito urlare "ma vi sembra di essere al mare?". Mi ha fatto sorridere. Quante volte ho sentito questa frase dalle mie insegnanti! Da quando indossavo il grembiulino fino a quando non ho discusso la maturità, è stato un vero tormentone. Un'altra cosa che dicevano sempre a chi era più iperattivo era "hai il ballo di San Vito", oppure "mi fai venire il palletico", che credo sia un'espressione tipicamente toscana.

Non credevo che le nuove generazioni di docenti utilizzassero ancora queste espressioni che a me sembrano tanto vetuste. 

Allora mi è venuto di scrivere questo post, perché sono curiosa di sapere quale frase di sgridata vi ricordate come un tormentone a scuola. E soprattutto... Se sulla costa ci accusavano di comportarsi come si fa in spiaggia, cosa gridavano a chi sta in montagna?

Commenti

  1. Il professore di matematica alle medie"Ma siete tutti sbolsi?"

    RispondiElimina
  2. Guarda, credo di non aver avuto una frase che ripetevo spesso ai miei alunni. Anche se può sembrare strano, non me ne viene in mente nessuna, oltre ai classici "zittiiii " , "silenziooo" . Comunque, sono d'accordo con te nel dire che osservare l'ambiente scolastico dal punto di vista di una bidella, può essere molto interessante !! Ciao

    RispondiElimina
  3. Ho studiato a lungo,ma a scuola non sono mai andata volentieri, le ore in classe mi hanno sempre pesato!

    RispondiElimina
  4. A noi si diceva "pensi di essere in spiaggia?" quando uno era vestito in modo troppo succinto.

    A proposito di modi di dire "vintage", alle medie un professore decisamente in là con gli anni disse ad una mia compagna che se la tirava "Chi ti credi di essere? Gina Lollobriggida?"... ovviamente poi ha dovuto spiegarci chi fosse Gina Lollobrigida XD

    RispondiElimina
  5. Strano ruolo quello delle bidelle. Alle medie e superiori si potevano dividere in due gruppi: quelle amiche degli studenti, sempre pronte a consolare e difendere e quelle sfacciatamente dalla parte dei professori. O meglio, questo è il ricordo che ne ho, ma sono passati tanti anni.

    RispondiElimina
  6. ... a me dicevano che avevo "l'argento vivo addosso!"...

    RispondiElimina
  7. Leggo dall'hotel chienes www.diewaldruhe.com/it

    RispondiElimina
  8. How to gamble on a casino - Mapyro
    The most 시흥 출장샵 popular way to gamble on a 고양 출장마사지 casino is through a mobile 고양 출장마사지 phone call. For those seeking to know more 충주 출장안마 about how to deposit funds 청주 출장마사지 to casinos, you should

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Un altro motivo per amare Stefano Benni

Il mio amore per Benni cresce a ogni libro che leggo, Stranalandia a parte. Ho già divorato: Saltatempo, Barsport, Barsport duemila e Pane  e Tempesta. E l'ultimo: L'ultima lacrima. Questo è una raccolta di racconti che svelano i mostri sempre attuali della nostra società. I miei preferiti: - Papà va in tv, quanto mai realistico, basti pensari alla cornica mediatica che ha circondato il caso di Sara Scazzi - Fratello Bancomat, surreale e tenero - Un cattivo scolaro, anche qui ci sarebbe da ragionare, almeno su quanto la tv influisca sulla nostra istruzione - Lombricoitticoetica, semplicemente la verità sulla vita - L'inferno, in cui mi sono rispecchiata perchè fa un ritratto della società a partire dalla descrizione dei viaggiatori di un treno (quante volte l'ho fatto anche io!) - Il palazzo delle 9 meraviglie, che strappa un dolce sorriso dopo averti iniettato della curiosità morbosa - Caccia al fagiano, dove il fagiano cacciato è un extracomunitario, un vucumprà. Quan