Passa ai contenuti principali

Bonus

Io capisco l'emergenza. Capisco chi è con l'acqua alla gola. Chi è preoccupato per il futuro. Chi teme di fallire. Di non uscire economicamente vivo dalla crisi causata dalla pandemia... E capisco pure che la burocrazia snella non è il fiore all'occhiello dell'Italia.

... Ma porca miseria, per quei 600 euro di bonus avete fatto peggio di quando siete usciti dal supermercato con 20 panetti di lievito!

(State sereni che con l'INPS non funziona come alle televendite alle quali forse vi siete abituati in questi giorni vuoti. Alle prime cinquanta telefonate non arriva in regalo nessuna batteria di pentole!)

Commenti

  1. Cara Icaro, purtroppo gli errori possono ovunque capitare, importante rimediare.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Mai però quanto il reddito di cittadinanza... quello non l'ha battuto nessuno in fatto di iene sulla preda XD

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Parliamo di cose serie: è lievito di birra quello che vedo nella foto???

    RispondiElimina
  4. Vogliamo parlare di quelli che corrono a compilare la domanda comunale pur non essendo assolutamente poveri?
    Ho la nausea. Come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a Gravina di Puglia vendevano a 70 euro i buoni spesa da 100 euro

      Elimina
  5. il lievito ormai è da mettere in banca

    RispondiElimina
  6. Per certe categorie mi dispiace moltissimo,sarà più difficile ripartire.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Post muto

- Buongiorno, vorrei un the freddo.
- Lattina o brick?
- Pesca.


Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà.

Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti).

Ecco, pare che sia pro…