Passa ai contenuti principali

2012... vaffanculoooooooooooooo!

Finalmente abbiamo lasciato questo anno funesto dietro alle spalle. Giuro, io non sono scaramantica nè superstiziosa, però inizio a credere che la faccenda dell'anno bisesto sia vera. Io penso che il 99%,, e forse anche un pò di più delle persone con cui ho parlato hanno vissuto male questo anno. Io l'ho chiuso con un rito fatto con Collega, che è un'amica, e non lavora con me (o meglio lei lavora, io no). Al conto alla rovescia abbiamo urlato un VAFFANCULO liberatorio. Speriamo che sia stato al momento giusto, perchè abbiamo partecipato ad una festa in piazza farlocca e non hanno fatto nemmeno il - 10 -9 - 8 - 7 ....Che vergogna. Ma un anno di merda non si poteva non concludere così.

Per me è stato un anno davvero intenso e sorprendente, nel bene ma anche nel male.
E come inizio dovrei vedere quello che nel box qui a fianco, quello che sono riuscita a portare a termine tra i miei obiettivi e cosa no.
Non ne ho molto il coraggio, ma alla fine si dovrà pur fare "il punto della situazione". E almeno dopo il punto, azzerare a trovare ancora mete da raggiungere.


*abilitarmi alla professione e diventare ufficialmente psicologa
*leggere almeno 20 libri
*andare a vivere col Ranocchia
*trovare un lavoro
*farmi una settimana in montagna
*riprendere a scrivere sul blog


1- La prima è andata clamorosamente bene: ho superato l'esame al primo colpo e giuro che non ci ho creduto fino alla fine!

2- Libri, no male, malissimo. Mi sono fermata a 13. Ne ero riuscita a leggere più di 30, prevedevo un calo, ma non così! Disdetta!

3- Questa è quella finita peggio. Però sono andata a vivere da sola da venerdì 28 dicembre. In extremis, perchè avevo detto "o ci vado a vivere entro il 2012  o la vendo e me ne vado". Sono un pò accampata per ora, ma sto decisamente bene qui, ho una finestra sempre al sole che è una meraviglia!

4- Lavoro.. what's that?!?! Oddio, non mi voglio lamentare, ho un micro lavoro e in arrivo ce ne dovrebbe essere un altro.. Penso che anche se sono micro e non ci mangio, però uscire di casa serve ad avere conoscenze e aprire altre porte e questo me l'ha insegnato questo anno appena trascorso. E poi ora non sono solo più una psicologa, ho un'altra ottima carta da giocare (chi mi conosce sa di che parlo), e spero davvero che mi apra delle belle porte.

5- fatta, bellissima, in val di Fassa.

6- diciamo che siamo "en train de", allontanarmi da questo spazio mi ha fatto un pò calare la voglia. E poi ci sono tante cose che non voglio scrivere e allo stesso tempo non riesco ad essere così futile. Vedremo come andrà questo 2013...

E voi, come siete andati con gli obiettivi prefissi per l'anno scorso?

Commenti

  1. Ecco il 2012 finalmente è alle spalle. È stato un anno difficile, da dimenticare.

    Baci

    RispondiElimina
  2. sì concordo il 2012 è stato un anno veramente orribile,peggio credo che sia difficile!!!

    RispondiElimina
  3. Io invece vado controcorrente, perche' il mio 2012 non e' stato cosi' malaccio: sia io che il moroso abbiamo comprato casa, il lavoro malgrado la mega crisi in atto tiene e sono addirittura riuscita a leggere un sacco di libri!

    RispondiElimina
  4. ecco, sono unn'altra di quelle che va controcorrente, sissì, dato che il 2011 era stato un po' tanto faticoso.

    RispondiElimina
  5. per me il 2012 è stato meglio del 2011 comunque. beh anche perchè se fosse stato peggio... diciamo che spero che questo lento miglioramento mi porti un 2013 decente e intorno al 2035 con questi ritmi potrebbe essere bellissimo!

    RispondiElimina
  6. Per la serie ci sono cose nella vita che si risolvono solo con un vaffanculo vè?:)
    Il 2012 è stato duro,con un sacco di colpi davvero bassi e dolorosi...ma anche con qualche bella soddisfazione...
    Lunga ti regalo un ideale tronchetto della felicità per casa nuova e uno spingardino a sale per tenere lontani i piccioni molesti :)

    RispondiElimina
  7. Per me è stato un ottimo anno, per chi mi è vicino è stato un pessimo anno :/

    Spero che nel 2013 possa consolidare la mia presenza in quest'azienda qua della provincia di Bologna ... dove ci sono tanti tori sotto a un cofano :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vorrei un gesso e un whisky liscio

A voi capita mai che, in certi momenti particolari, vi succeda qualcosa che vi riporta a una particolare canzone, o addirittura ad un solo suo verso? A me è venuto in mente questo:  " Quello che importa in una persona è l'immagine che dà..." In che occasione? Stamani. Quando uno dei bimbi mi ha chiesto se abitualmente bevo whisky. Devo dire che dopo lo scorso anno dove ho tenuto un profilo piuttosto basso, quest'anno mi sono data di più ai ragazzi diventandone confidente, raccogliendo battute, sfoghi, pianti, risate. E mi sono aperta alle loro curiosità (ma dove abiti? Ma come mai fai la bidella? A te che profumo piace? Veramente ti piace l'insalata di cavolo crudo?). Non mi sono mai chiesta come mi vedessero dai loro occhi. Però tutto mi pensavo fuor che essere passata da grande bevitrice!

Meglio che niente faccio l'insegnante.

C'è stato un tempo in cui volevo fare la maestra. Secondo me è in fase da cui un po' tutte passiamo (passavamo, adesso vogliono fare l'estetista e il tatuatore, e lo dico perché mi è successo di leggerlo nei temi). Come la fase del "da grande voglio fare il veterinario". Poi la fase ci passa e io ne sono stata ben lieta perché mi sono resa conto che non avrei la pazienza necessaria. Quando facevo l'educatrice nei doposcuola il lavoro mi piaceva ma c'erano alcuni ragazzetti che me le avrebbero tolte dalle mani e in una classe vera, per più ore al giorno, sarei stata veramente in difficoltà. Tutto questo preambolo per dire che nella mia mente l'insegnante è ancora una professione per cui serve una sorta di vocazione. Un qualcosa di più anche dell'esserci portati. A maggior ragione oggi giorno che queste generazioni di bambini è ragazzi sono sempre più complesse da gestire (perché tale è diventata la società, in fin dei conti). Ecco, pare che sia

Punirne uno

E il cliente ha sempre ragione. E i bambini stranieri sono già indipendenti ed educati già da piccolini (ma quando mai?). E con gli italiani guai a dir qualcosa dei figli perché sennò vi menano (gli insegnanti ne sanno qualcosa). Che poi, a dire il vero, non ci sono differenze di nazionalità che tengano: il desiderio unico e universale è quello di smollare la prole al mini club e, forse, riprendersela a fine vacanza. Lavorando, si passano le giornate a sopportare bambini imbizziti perché "volevo il lecca lecca alla fragola, tu me l'hai preso alla fragola, ma adesso non mi piace più e ne voglio un altro" oppure perché "tu nel dolce hai più cioccolata di me e ti odio"* Che tu sia semplicemente uno spettatore o che tu venga direttamente coinvolto (scusi me lo sgrida lei mio figlio, io non ce la faccio *), ad un certo punto non ne puoi più. Poi arriva la bambina boccolosa e sorridente alla Shriley Temple. Che cerca di eludere i divieti genitoriali prova